Dal punto di vista storico la crocifissione

Il Popolo della Famiglia segnala
 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Lettera aperta alla regina Rania di Giordania: da parte dei martiri cristiani! SALVIAMO I CRISTIANI IN ITALIA! ] “Io condanno l'islam ma non sono razzista” Scusate: avete mai sentito parlare di musica sinfonica islamica? Certamente no. I somali sono dovuti scappare dalla loro disperata terra per evitare la condanna a morte. "Per la verità nel Corano non c'è un divieto esplicito della musica e del canto. L'interdizione fa piuttosto riferimento a delle fatwe emesse da teologi wahhabiti, come il defunto mufti dell'Arabia Saudita, Abdelaziz Bin Baz, che disse: «La parola ma'azif si riferisce al canto e agli strumenti musicali. Il Profeta ci ha detto che alla fine dei tempi arriverà un popolo che permetterà queste cose così come permetterà l’alcol, l’adulterio e la seta. Questo è uno dei segni della profezia, tutto ciò è accaduto. Il hadith (il detto) indica che gli strumenti musicali sono haram (proibiti) e condanna coloro che dicono che sono halal (leciti), così come condanna coloro che ritengono che l’alcol e l'adulterio sono leciti. Chiunque ritenga che il canto e gli strumenti musicali siano leciti mente e commette un peccato grave». ( Magdi Cristiano Allam) L’islam vieta le immagini: ecco il motivo per cui Michelangelo non nasce mai in Arabia. L’islam vieta il teatro, che è menzogna: non è mai esistito nella tradizione islamica. Qualcuno di voi ha mai sentito parlare di commediografi islamici? Di un’opera lirica islamica? Di un teatro tradizionale? Secondo voi come mai? Per le stesse ragioni è stata vietato qualsiasi tipo di narrazione. Come la musica le narrazioni si formano da sole, e nei periodi migliori sono tollerate, mai incoraggiate. Le pochissime narrazioni esistenti nell’islam, Le mille e una Notte e poco altro, sono in realtà frutto di dissidenti. Le Mille e una notte sono attualmente vietate in tutti i paesi islamici integralisti. La filosofia nell’islam è vietata, infatti non c’è. Tutto quello che non è nel Corano è sbagliato e quindi non va considerato, non va neanche stampato. Nel suo bellissimo libro L’Infedele, la scrittrice somala Ayaan Hirsi Ali racconta la sua emozione, la sua passione, quando ha scoperto Spinoza e Kant, che descrive quasi da un punto di vista architettonico: la filosofia è un’architettura di pensiero. L'uomo non può vivere senza filosofia. La filosofia, come la musica, si forma dappertutto, e quindi ci sono stati nell'islam grandissimi scienziati e grandissimi filosofi, nel primo periodo della sua esistenza, fino al 1300, in quel periodo fu straordinaria la fioritura scientifica, certo, perché gli uomini dell'islam, come tutti gli uomini, sono istintivamente portati verso la conoscenza, e misero insieme filosofia e scienza delle civiltà che stavano conquistando con le armi per creare un'esplosione di pensiero. Basti pensare all’importanza della diffusione dello zero, intuizione indiana, nel mondo occidentale, basti pensare agli strumenti astronomici. Ma quei filosofi, tutti, erano dissidenti. Furono tollerati in alcuni periodi e in alcuni luoghi e furono straordinari, fino a quando L’islam restò vincente. Con la prima seria sconfitta islamica, la riconquiste della Spagna, i mullah anticiparono lo wahhabismo, dichiarando che i guai dell’islam erano causati dalla non applicazione integrale del Corano e chiusero i battenti alla scienza e alla filosofia. Non esistono né possono esistere filosofi nell’islam, tra i veri credenti, filosofo islamico è una contraddizione in termini. Spesso Tariq Ramadan, viene definito un filosofo. Tariq Ramadan è un laureato in filosofia che insegna filosofia in un liceo di Ginevra, e non so come possa insegnarla perché nei suoi libri si vede come non solo non abbia mai avuto un’idea filosofica in vita sua, ma che non ha neanche ancora capito la filosofia che cosa sia in realtà. La filosofia non può esistere perché è vietata la filologia e questa è la differenza fondamentale, quella da cui tutto deriva. Non è possibile studiare la Bibbia senza sviluppare un altissimo livello di filologia, letteralmente amore per la parola, per il verbo. Gli studiosi della Torà sono abituati dall’età di 5 anni a spaccare il capello in quattro. L’ultimo premio Nobel israeliano per l’economia è uno che ha perfezionato la teoria del caos e c’è riuscito grazie allo studio della Torà. Dove c’è filologia, e solo dove c’è filologia, prima o poi si sviluppa il pensiero filosofico. Dove c’è il pensiero filosofico si sviluppa il pensiero scientifico e solo se c’è il pensiero scientifico può svilupparsi quello tecnologico. Gli Ebrei sono in totale 14 milioni di persone, contro un miliardo e qualcosa di cristiani e un miliardo e qualcosa di Musulmani, però la loro percentuale di premi Nobel è impressionante. (126) O concludiamo che gli Ebrei sono geneticamente superiori a tutti gli altri, o concludiamo che lo studio della Bibbia dona un formidabile sviluppo delle facoltà cognitive. La Bibbia è anche una formidabile raccolta di storie. Adamo, Eva, Lot e consorte, Giuseppe e i suoi fratelli, Isacco, Sara, Mosè eccetera, eccetera. Storie. Una montagna di storie. Le storie sviluppano la nostra intelligenza e grazie al meccanismo dell’identificazione con il protagonista fanno da ammortizzatore alle emozioni . Le storie e il pensiero scientifico e matematico vanno di pari passo. Dove non ci sono storie non c’è pensiero matematico. Ci sono persone che hanno una straordinaria capacità si raccontare e ascoltare storie e magari non capiscono un fico di matematica, ed altri che adorano la matematica e detestano le storie, come Nash, per esempio, il matematico autore della prima teoria del caos. Però in una cultura ci devono essere sia il pensiero narrativo che quello scientifico matematico, esattamente come nel passo di una persona ci sono il piede destro e quello sinistro. Come diceva la buonanima del dottor Einstein: se volete dei figli intelligenti raccontate loro le fiabe e se volete dei figli molto intelligenti raccontate loro molte fiabe. Gli Ebrei sono dannatamente intelligenti perché gli raccontano la Bibbia. Gesù Cristo non ha scritto nulla. I 400 vangeli che parlano di lui sono in contraddizione gli uni con gli altri ci spingono alla filologia. In più i vangeli sono un tripudio di storie, tra il racconto della vita di Gesù e le parabole. Anche noi con la filologia siamo bravini. In più il Vangelo, come la Bibbia è una formidabile ricchezza di Storie, la straordinaria storia di Gesù Cristo, le parabole. Una ricchezza straordinaria. Non è un caso che i seguaci di questa religione siano diventati una ricchezza di architettura, arte, musica, teatro letteratura, astrofisica, astronomia senza la fisica, fisica senza l'astronomia, chimica, matematica e qualche altra cosa che adesso non elenco perché altrimenti non mi bastano tre pagine. Il Corano è dettato. Il Corano è dettato, non ispirato: il Corano è il pensiero di Dio, il Corano è Dio, esiste da sempre, da molto prima che Maometto lo sentisse e lo raccontasse, esiste dalla notte dei tempi, esisteva prima del mondo. Non può essere elaborato. Può solo essere imparato a memoria, nelle terribile scuole coraniche dove chi sbaglia viene picchiato a sangue e a volte anche a morte, come è successo in Pakistan a un bimbo cieco di 8 anni, due mesi fa. Chi esce dalle scuole rabbiniche ha imparato a pensare. I monaci del medio evo hanno salvato il sapere del mondo latino e rifondato la scienza. Nell’islam la filologia è vietata. Questo è il punto fondamentale. Chi esce dalle scuole coraniche ha avuto il pensiero distrutto con la violenza e una micidiale, brutale ma efficace tecnica di lavaggio del cervello. Quando Gutemberg inventò la stampa, il costo dei libri si abbatté e il loro numero di moltiplicò, ma solo in ambiente cristiano. La stampa fu vietata nei paesi islamici: visto che l’unico libro che serve è il Corano, perché stamparne altri? La stampa fu introdotta in quei paesi solo con l’Impero Britannico, ma oramai era tardi: il gap scientifico e narrativo tra i due mondi, cristiano e islamico era incolmabile. In questo momento ogni anno in tutto il mondo islamico, un miliardo e duecento milioni di persone, vengono stampati 30.000 libri, 30.000 nuovi titoli, l’anno, tra libri tradotti e produzione locale, tra narrativa, saggistica e testi scientifici per le università. 30.000 nuovi titoli in un anno sono la quota della piccola Grecia. Il minuscolo stato (6 milioni di persone) di Israele stampa ogni anno 35.000 libri, oltre ad avere una circolazione stratosferica di libri in inglese, francese e russo, tedesco e spagnolo. Poi c’è il problema della scienza. Sia il Giudaismo che il Cristianesimo affermano che Dio è coerente. Ha fatto le regole che regolano l’universo e queste regole sono sempre le stesse. Lo spiega anche San Tommaso. “Poiché i principi di certe discipline, come la logica, la geometria e l’aritmetica, sono desunti dai soli principi formali delle cose , dai quali dipende la loro essenza, ne segue che Dio non può fare cose contrarie a questi principi, non può fare ad esempio che le linee che passano dal centro della circonferenza non siano uguali…” Dato che Dio ha fatto regole immutabili, vale la pena di studiarle. Ebrei e Cristiani possono essere scienziati. Nell’islam invece Allah il Misericordioso, sempre sia santificato il suo nome, è assolutamente libero. Può decidere di far girare i pianeti in un senso o nell’altro a seconda di come gli gira. Studiare le leggi della natura è blasfemo perché vuol dire ritenere che Allah abbia il dovere di fare sempre le stesse cose. Nel mondo islamico Allah il Misericordioso non permette la scienza. Ci sono in compenso numerose cose vietate nella religione giudaico cristiana e invece permesse nell’islam. La legge di Mosè è incisa sulla pietra ed è uguale per tutti.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Lettera aperta alla regina Rania di Giordania: da parte dei martiri cristiani! SALVIAMO I CRISTIANI IN ITALIA! ] “Io condanno l'islam ma non sono razzista” 08/01/2013 08:21:04 di Silvana De Mari Lettera aperta alla regina Rania di Giordania: “Io condanno l'islam ma non sono razzista” La bellissima regina Rania di Giordania ha lasciato un bel po' di video su YouTube per spiegare com’è bello l’islam, carino e simpatico, un gioiellino dell’umana intelligenza. La bellissima regina Rania di Giordania spiega su YouTube che l’islam è democrazia, e chi lo nega è un povero idiota, razzista e sciocco, superato dalla storia. Quindi noi che riteniamo l’islam la negazione della dignità delle donne e della libertà umana siamo solo dei poveri beceri malati di razzismo e pieni di pregiudizi. Che siamo un po’ cretini, maestà può anche darsi, è una di quelle cose, la propria cretinaggine e la sua eventuale assenza, su cui è sempre meglio non nutrire certezze assolute. Che i nostri siano pregiudizi, maestà, questa è una sciocchezzuola, perché maestà, il pregiudizio è un giudizio dato prima, pre-giudizio, pre, vuol dire prima. Noi il Corano ce lo siamo letto, maestà, con una fatica boia perché è proprio brutto, dal punto di vista letterario è di una bruttezza rivoltante oltre che essere un ammasso di contraddizioni fastidiose, però tra una contraddizione e l'altra, maestà, tenendo presente che il successivo annulla il precedente, che quella roba lì contenga una violenza assoluta e inestinguibile, maestà è innegabile. Ci siamo letti la vita di Maometto, ce la siamo letti con i capelli dritti sulla testa: vede maestà, quando stermina gli ebrei della Penisola Arabica e quando sposa una bambina di 8 anni, scusi maestà, ma abbiamo sussultato. Sa, con Gesù Cristo eravamo abituati in un'altra maniera e a noi tutte questa somiglianza tra Cristo e Maometto che dice lei, per cui è evidente che il primo è il preannunciatore dell'altro, scusi sa, ma a noi ci sembra una negazione del principio di realtà, che è una maniera colta per dire che è una vera idiozia. Ci siamo anche studiati tutta la vostra storia, il nostro non è un pregiudizio, maestà, persino noi ormai sappiamo che vuol dire sunnita, sciita e sufita, sappiamo anche che vuol dire salafita, avete una passione per la S vero?, possiamo tenere conferenze su che cos’è lo wahhabismo, Il nostro non è un pregiudizio, ma un giudizio, e nessuno ci può venire a dire che non abbiamo il diritto di esprimere un giudizio, perché altrimenti la libertà verrà calpestata. Libertà, maestà, è insieme a democrazia, una parola di cui lei non ha nessuna idea. Le pronuncia perché non le capisce, non le ama, sono parole per cui lei non morirebbe mai. Noi sì, maestà. Noi moriremmo per la dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, della Donna e del Cittadino e lei, maestà di cosa sia quella dichiarazione, non ha la più pallida idea. Democrazia vuol dire tre cose: diritto di voto uguale dignità per tutti i cittadini libera stampa per gli oppositori. In alcuni paesi arabi si vota, maestà, ma mancano gli altri due componenti, quindi non si tratta di democrazie. Il Corano sancisce l'inferiorità degli infedeli rispetto ai credenti, l’inferiorità degli schiavi rispetto ai padroni e l’inferiorità delle donne rispetto agli uomini. A proposito di schiavi: in realtà l’insulto al presidente USA Obama non è "negro filoisraeliano", ma "schiavo negro filoisraeliano", perchè in arabo negro e schiavo si dicono con la stessa parola. Hirsi Alì ne L'Infedele ci racconta di come lei, somala, quando viveva in Arabia Saudita, veniva normalmente apostrofata con le normali parole "schiava negra". In Egitto, vede, per esempio, ai cristiani non è permessa nessuna carica pubblica, nemmeno quella di preside, Algeria, Tunisia e tutte le nazioni che nel 1967 hanno espulso le minoranze israelite non hanno rispettato i diritti delle minoranze e quindi non sono democrazie. Lei ha una qualche idea di cosa voglia dire fare il cristiano in Pakistan? Sicuramente no, altrimenti non scriverebbe cialtronate sulla libertà e la democrazia. In alcune delle sedicenti democrazie islamiche qualche donna è stata eletta, anche in Pakistan, per esempio, però lo stesso sparano alle ragazzine che vanno a scuola, bruciano la facce con l'acido a quelle che non portano il velo e seppelliscono vive quelle che si vogliono sposare contro il parere degli anziani. Anche se capo di Stato un femmina nell'islam può essere sempre picchiata dal marito come sancisce il Corano e ce lo ricorda la Televisione di stato della laica Tunisia. lei lo sa che il paese suo produce un tale quantitativo di delitti d'onore che potreste esportarli? Lei è la sovrana di una nazione che ha condannato un poveraccio a tre anni di galera per aver inserito tre versi del Corano in una poesia. Non se lo ricorda più? Lei è la sovrana di un paese che condanna a tre anni di galera un poeta che ha inserito due versi del Corano in una poesia e osa pronunciare la parola democrazia? Lei osa pronunciare le parole “l’islam è democrazia” ? Se invece di parlare su YouTube lei si desse da fare a tirar fuori il disgraziato di galera, noi magari un "cicin" (piemontesismo vuol dire un grammo, una stilla) di sforzo per rinunciare alla nostra cretinaggine potremmo anche farlo. Così come stanno le cose, scusi maestà, la cretinaggine di essere anti islamici ce la teniamo stretta come l'orsacchiotto con cui andavamo a letto da bambini. Lei potrebbe far sentire la sua voce per parlare contro la follia delle corti islamiche somale, lei potrebbe far sentire la sua voce per parlare contro la situazione dell'Arabia Saudita dove preferiscono che le figlie brucino vive piuttosto che saperle con il viso scoperto o convertite, lei potrebbe far sentire la sua voce per i cristiani che patiscono nelle terre dell'islam, e invece si mette a fare il piagnisteo su quanto noi siamo cattivi a considerare l'islam una religione liberticida. Islam vuol dire sottomissione. Nel Santo Corano la parola libertà non è contenuta nemmeno una volta. Le ricordo l'ordine contenuto nell'islam ai suoi sudditi di conquistare il mondo. Ma lei lo conosce già, vero? Perché non dovremmo preoccuparci di una religione che dichiara ufficialmente di volerci asservire? Per la paura di essere accusati di razzismo. Le armi dell'islam sono la violenza, la minaccia e il vittimismo. Lei maestà è una delle voci del vittimismo. Le ricordo i versetti V, 33 del Corano: «In verità la ricompensa di coloro che combattono Iddio e il Suo Messaggero e si danno a corrompere la terra, è che essi saranno massacrati, o crocifissi, o amputati delle mani e dei piedi dai lati opposti, o banditi dalla terra: questo sarà per loro ignominia in questo mondo e nel mondo a venire avranno immenso tormento». La democrazia è la libertà di parola, maestà, una cosa di cui lei, essendo islamica, non ha idea, la libertà di parola non è compatibile con un sistema che condanna a morte e alla tortura gli oppositori. Credo che sia il momento di spiegare i fondamentali divieti dell’islam. Nell’islam è vietata la musica. La musica, come il vino, sarà riservata al paradiso (dei maschi, in quello delle femmine solo fichi e uva). L’ayatollah Khomeini, sempre sia santificato il suo santo nome (sono già stata accusata di islamofobia e stavo cercando di ripulirmi la reputazione) ha specificato quanto la musica, tutta la musica, sia contraria all’islam e che Allah il misericordioso verserà piombo fuso nelle orecchie di coloro che hanno ascoltato musica. Questo è il motivo per cui i veri islamici, Talebani e Corti islamiche somale, vietano la musica e la puniscono con la morte. Certo: gli uomini non possono vivere senza la musica. La musica è un mezzo di comunicazione ancora più antico della parola. Quindi c’è un mucchio di musica che si forma spontaneamente, tollerata, certo, ma mai incoraggiata. Nel caso dell’integralismo vietata.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Ricorse alla guerra privata, istituzione comune in Arabia, Maometto inviò subito manipoli di suoi sostenitori ad attaccare le carovane della Mecca, punendo così i suoi connazionali increduli e, al contempo, ottenendo un ricco bottino”. Dall’altra, “Maometto approfittò di questo successo per eliminare da Medina, facendola massacrare, l’ultima tribù ebrea ancora esistente, quella dei Qurayza, con l’accusa di comportamento sospetto”. Poi, “dopo la morte di Khadidja, sposò una vedova, brava donna di casa di nome Sawda, e anche la piccola Aisha, che aveva appena dieci anni. Le sue tendenze erotiche, a lungo represse, lo avrebbero portato a contrarre contemporaneamente una decina di matrimoni”. C’è un’esaltazione della violenza, perché il Corano mostra Maometto sotto questa luce: guerrafondaio senza pietà, predatore, massacratore di ebrei e poligamo. Ovviamente anche la chiesa cattolica ha le sue colpe. La sua storia è costellata di pagine nere, delle quali ha fatto ammenda: l’inquisizione, la caccia alle streghe, l’esecuzione dei filosofi Bruno e Vanini, la condanna degli epicurei, quella del cavaliere de La Barre, accusato di empietà in pieno XVIII secolo, non depongono a suo favore. Però c’è una differenza fondamentale tra il cristianesimo e l’islam: è sempre possibile tornare ai valori evangelici, alla dolce personalità di Gesù Cristo, riscattandosi dagli errori della chiesa. Pochi. Nessun errore della chiesa è stato ispirato dal Vangelo. Gesù è per la non violenza, e il ritorno al Cristo rappresenta la salvezza nei confronti di certi eccessi dell’istituzione ecclesiale. Il ricorso a Maometto, invece, rafforza l’odio e la violenza. Gesù è il maestro dell’amore, Maometto, il maestro dell’odio. La lapidazione di Satana che si ripete ogni anno alla Mecca non è solo un fenomeno superstizioso: non si riduce infatti allo spettacolo di una folla isterica che flirta con la barbarie, ma ha una portata antropologica. Si tratta invero di un rito che ogni musulmano è invitato ad accettare, radicando la violenza come dovere sacro nel cuore del credente. Questa lapidazione, che ogni anno provoca la morte di fedeli calpestati dalla folla (a volte anche centinaia), è un rituale che ingloba la violenza arcaica. Anziché eliminare questa violenza arcaica neutralizzandola, sulla scia dell’ebraismo e del cristianesimo (l’ebraismo inizia con il rifiuto del sacrificio umano, che è l’ingresso nella civiltà, mentre il cristianesimo trasformerà il sacrificio in eucarestia), l’islam le crea un bel nido per crescere al caldo. Mentre l’ebraismo e il cristianesimo sono religioni i cui riti sono rivolti contro la violenza e la delegittimano, l’islam è una religione che esalta la violenza e l’odio, sia nel suo testo sacro che in alcuni riti comuni. Odio e violenza pervadono il testo sul quale si formano tutti i musulmani: il Corano. Come ai tempi della Guerra fredda, la violenza e l’intimidazione vengono utilizzate al servizio di un’ideologia che si vuole egemone: l’islam, che mira a mettere la sua cappa di piombo sul mondo intero. Benedetto XVI sta soffrendo la crudeltà di tale esperienza. Come in altri tempi, è necessario dire a chiare lettere che l’occidente è “il mondo libero” nei confronti di quello musulmano, e, come in quei tempi, gli avversari di questo “mondo libero”, funzionari zelanti del Corano, pullulano al suo interno”. Robert Redeker (traduzione Studio Brindani) Se sua maestà Rania di Giordania avesse parlato per la libertà e la vita di Robert Redeker e degli altri condannati a morte della Jiad islamica, contro le ragazzine cristiane rapite e violentate a Betlemme e a Mosul, contro le 2000 chiese bruciate a Giacarta, contro le chiese bruciate in Kenia e in Nigeria, sarebbe stata una grande donna, il Gandy islamico, la speranza, il futuro. Ma non lo ha fatto altro che il solito piagnisteo: puro distillato di cialtronaggine. Noi non siamo orchi. Noi non bruciamo le moschee e se qualcuno lo fa lo fermiamo. Noi non manchiamo di rispetto alle persone che portano nel vestiario i segni dell’islam, noi non profaniamo il Corano e se qualcuno lo facesse noi saremmo i primi a fermarlo e a punirlo. Ma noi rivendichiamo il diritto alla libertà di parola. Quindi propagandiamo l’articolo di Robert Redeker, lo appendiamo nella scuole, nella fabbriche, negli uffici, lo mandiamo via internet a tutti quelli che conosciamo. Ne facciamo un manifesto e lo appendiamo davanti alle moschee, perché la libertà appartiene a tutti gli uomini e le donne della terra. E le religioni che negano questa liberà meritano di essere combattute fino alla morte. Fino alla nostra morte, perché forse ci ammazzeranno, faremo la fine di Theo Van Gogh, certo, oppure fino alla morte delle religioni che negano la libertà, che si disfaranno nel nulla.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

SALVIAMO I CRISTIANI IN ITALIA! ] "Islam. Siamo in guerra": c'è un solo islam e una strategia di islamizzazione dell'Europa 18/09/2015 19:27:55 di Magdi Cristiano Allam Cari amici, vi propongo in anteprima il testo della sinossi del mio nuovo libro "Islam. Siamo in guerra", pubblicato nelle alette interne alla copertina sul fronte e sul retro del libro. Il libro sarà disponibile nelle edicole, in allegato con Il Giornale, a partire da domani mattina sabato 19 settembre. È una sintesi della tesi di fondo sull'unicità dell'islam e sulla realtà della guerra globalizzata scatenata contemporaneamente dal terrorismo islamico dei tagliagole e dei taglialingue, che sfocia in una strategia di islamizzazione dell'Europa su cui converge l'islamizzazione demografica e l'invasione di clandestini musulmani, il condizionamento della finanza islamica impegnato nella diffusione della rete di moschee e scuole coraniche, la codificazione del reato di islamofobia per vietare qualsiasi critica all'islam come religione. "Siamo in guerra. È il Jihad, la guerra santa islamica, scatenata dal terrorismo islamico dei tagliagole, che ci sottomettono con la paura di essere decapitati, e dei taglialingue, che ci conquistano imponendoci la legittimazione dell’islam. È la Terza guerra mondiale, che vede partecipi la Finanza speculativa globalizzata, l’Eurocrazia, lo Stato-Mafia e la Chiesa relativista; che distrugge l’economia reale e impoverisce i popoli, spoglia gli Stati della sovranità e pone fine alla democrazia sostanziale, scardina la certezza di chi siamo e ci trasforma nel meticciato etnico e culturale. È ora di prendere atto della realtà della guerra in corso, essere consapevoli che, o si combatte per vincere, o la subiremo e saremo sottomessi all’islam. È fondamentale riconoscere che la radice del male è l’islam. Che c’è un solo islam che legittima l’odio, la violenza e la morte contro i “miscredenti”, ovvero tutti i non musulmani. Che i terroristi islamici che sgozzano, decapitano e massacrano sono quelli che più fedelmente ottemperano a quanto Allah ha prescritto nel Corano e quanto ha detto e ha fatto Maometto. Che i sedicenti musulmani “moderati” sono quelli che, all’insegna della “taqiya”, la dissimulazione, perseguono l’obiettivo di sottometterci costruendo delle roccaforti islamiche dentro casa nostra, attraverso il riconoscimento dell’islam come religione di pari valore del cristianesimo, la diffusione delle moschee, il condizionamento della finanza islamica, l’islamizzazione demografica, l’invasione di clandestini musulmani, la codificazione del reato di islamofobia, il lavaggio di cervello anche tramite Internet, la strumentalizzazione della democrazia per imporre la sharia. Se non combattiamo il terrorismo islamico dentro e fuori di casa nostra, l’Europa farà la stessa fine delle altre due sponde del Mediterraneo, che erano cristiane al 98% e sono state sottomesse all’islam. Per vincere dobbiamo fortificarci dentro, riscoprendo il sano amor proprio, l’orgoglio di chi siamo, il dovere di salvaguardare l’unica civiltà che esalta la vita, la dignità e la libertà."
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

SALVIAMO I CRISTIANI IN ITALIA! ] 19/08/2013 08:40:03 0 Commenti Silvana De Mari L'orrore dei genitori islamici che istigano i propri figli al terrorismo suicida L'orrore dei genitori islamici che istigano i propri figli al terrorismo suicida Il nostro cervello funziona grazie all’integrazione dei due emisferi. L’emisfero sinistro, quello razionale, funziona per via logica, è analitico, processa un solo pensiero alla volta, pensiero di cui siamo coscienti. L’emisfero destro funziona ... Continua la lettura 27/07/2013 16:42:38 0 Commenti Silvana De Mari Perché i moralmente superiori Lerner e Santoro non si occupano delle vittime del nazismo islamico? Perché i moralmente superiori Lerner e Santoro non si occupano delle vittime del nazismo islamico? Azer Sherif è stato picchiato due volte e minacciato di morte. Primo Levi descrive le sensazioni di paura e vergogna che nascono dal subire un’aggressione fisica soprattutto se ripetuta (I sommersi e i salvati, ed Einaudi). Il mondo non è più lo... Continua la lettura 26/07/2013 10:10:32 Commenti Salviamo i cristiani . Rassegna stampa sulla manifestazione di Torino in sostegno a Sherif Azer  Continua la lettura 26/07/2013 10:01:11 0 Commenti Marta Tondo Corteo di solidarietà per il rappresentante dei cristiani copti aggredito Corteo di solidarietà per il rappresentante dei cristiani copti aggredito Un corteo di solidarietà ha sfilato ieri per le vie del centro, partendo da corso Valdocco. (www.nuovasocieta.it) - Un corteo contro la violenza e a favore della libertà. Un corteo per l'egiziano Sherif Azer, rappresentante ... Continua la lettura 26/07/2013 09:50:20 0 Commenti www.ilgiornale.it/ / Ancora botte per Sherif, l'egiziano cristiano Ancora botte per Sherif, l'egiziano cristiano Sherif Azer, cittadino italiano, cristiano copto nato in Egitto, rappresentante della Comunità Cristiana Copta di Torino e vice-presidente dell'Associazione «Salviamo i cristiani», è stato nuovamente aggredito ieri da un gruppo di islamici verso... Continua la lettura 26/07/2013 09:35:56 0 Commenti www.torinotoday.it/ / Manifestazione cristiana contro l'Islam in corso Valdocco, Due aggressioni a Sherif Azer a Porta Palazzo „Cristiano linciato da due islamisti, in strada la rabbia del quartiere Manifestazione cristiana contro l'Islam in corso Valdocco, Due aggressioni a Sherif Azer a Porta Palazzo „Cristiano linciato da due islamisti, in strada la rabbia del quartiere Manifestazione cristiana contro l'Islam in corso Valdocco, Due aggressioni a Sherif Azer a Porta Palazzo „Ieri sera un centinaio di persone hanno manifestato per le vie del centro per chiedere solidarietà all'egiziano ag... Continua la lettura 26/07/2013 09:31:44 0 Commenti Civico20 News . Grande partecipazione alla manifestazione di solidarietà a Sherif Azer Grande partecipazione alla manifestazione di solidarietà a Sherif Azer L'intervento di Magdi Cristiano Allam ha chiuso la manifestazione Torino ha risposto con grande partecipazione alla manifestazione di solidarietà per Sherif Azer vittima di due aggressioni con minacce di morte da pa... Continua la lettura 25/07/2013 15:05:47 0 Commenti Salviamo i cristiani . Appello al ministro dell'Interno Alfano. Dopo 2 aggressioni islamiche in 1 settimana al cristiano copto Sherif Azer a Torino: lo Stato lo protegga! Appello al ministro dell'Interno Alfano. Dopo 2 aggressioni islamiche in 1 settimana al cristiano copto Sherif Azer a Torino: lo Stato lo protegga! L'Associazione “Salviamo i cristiani” lancia un appello al ministro dell'Interno Angelino Alfano per assicurare una adeguata protezione a Sherif Azer, cittadino italiano, cristiano copto nato in Egitto, rappresentante della Comunità Cristiana Co... Continua la lettura 24/07/2013 19:11:54 0 Commenti Carlotta Rocci Seconda aggressione per l'egiziano cristiano copto Seconda aggressione per l'egiziano cristiano copto (repubblica.it) - Colpito a calci e pugni dopo aver riconosciuto uno dei suoi aggressori. Sherif Azer, rappresentante della comunità cristiana Copta di Torino, già aggredito la scorsa settimana da una decina di islamici, davanti al bar Continua la lettura 24/07/2013 17:04:03 0 Commenti Salviamo i cristiani . Oggi nuova aggressione a Sherif Azer a Porta Palazzo (Torino): “Gli islamici mi avrebbero ammazzato se non fosse intervenuta la polizia”. Manifestazione di solidarietà: ore 19, Corteo da Randò della forca ; ore 19.30 Comizio in Piazza Castello Oggi nuova aggressione a Sherif Azer a Porta Palazzo (Torino): “Gli islamici mi avrebbero ammazzato se non fosse intervenuta la polizia”. Manifestazione di solidarietà: ore 19, Corteo da Randò della forca ; ore 19.30 Comizio in Piazza Castello Sherif Azer, cittadino italiano, cristiano copto nato in Egitto, rappresentante della Comunità Cristiana Copta di Torino e vice-presidente dell'Associazione “Salviamo i cristiani”, è stato nuovamente aggredito oggi da un gruppo di islamici verso... Continua la lettura 24/07/2013 16:54:55 0 Commenti Roberto Salerno Roberto Salerno: solidarietà a Sherif Azer Roberto Salerno: solidarietà a Sherif Azer Esprimo profonda solidarietà a Sherif Azer per la violenza subita e considero questo atto una grave offesa all’Italia stessa, Paese tollerante, ospitante nonchè sede di civiltà democratica e pluralista. Noi italiani, cristiani e catto... Continua la lettura http://www.magdicristianoallam.it/salviamo-i-cristiani/
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

SALVIAMO I CRISTIANI IN ITALIA! ] Appello al ministro dell'Interno Alfano. Dopo 2 aggressioni islamiche in 1 settimana al cristiano copto Sherif Azer a Torino: lo Stato lo protegga! 25/07/2013 15:05:47 di Salviamo i cristiani . Appello al ministro dell'Interno Alfano. Dopo 2 aggressioni islamiche in 1 settimana al cristiano copto Sherif Azer a Torino: lo Stato lo protegga! L'Associazione “Salviamo i cristiani” lancia un appello al ministro dell'Interno Angelino Alfano per assicurare una adeguata protezione a Sherif Azer, cittadino italiano, cristiano copto nato in Egitto, rappresentante della Comunità Cristiana Copta di Torino e vice-presidente dell'Associazione “Salviamo i cristiani”. Azer ha subito due aggressioni in una settimana nel quartiere di Porta Palazzo a Torino da parte di estremisti islamici che hanno esplicitato la loro volontà di ucciderlo accusandolo infondatamente di aver oltraggiato Maometto e di aver offeso l'islam non rispettando il digiuno nel mese islamico del Ramadan. Azer era stato una prima volta barbaramente aggredito lo scorso 18 luglio verso le 17,30 sotto la sua abitazione in Corso Giulio Cesare 24 (quartiere di Porta Palazzo) da una decina di islamici con catene, calci e pugni al grido “Noi ti ammazziamo cristiano di merda”, strappandogli il crocifisso dal collo, dopo aver ammesso di non osservare il Ramadan, il digiuno islamico ed essersi rifiutato di ripetere una formula rituale attestante l'appartenenza all'islam “Salli ala al Nabi” (Glorifica il profeta Maometto). Ricoverato al Pronto soccorso i medici hanno riscontrato lesioni per fortuna non gravi in varie parti del corpo prescrivendogli 10 giorni di convalescenza. La seconda aggressione è avvenuta il 24 luglio verso le 13,45 in Piazza della Repubblica sempre nel quartiere di Porta Palazzo. Mentre usciva dalla Banca San Paolo è stato avvicinato da un islamico egiziano. Azer l'ha riconosciuto perché faceva parte del gruppo degli islamici che l'aveva aggredito il 18 luglio. Coraggiosamente Azer ha cercato di bloccarlo per consegnarlo alla polizia. L'islamico si è ribellato e Azer gli ha mollato uno schiaffo con lo scopo di intimidirlo e indurlo a fermarsi. In quel momento lui ha urlato che Azer avrebbe oltraggiato il profeta Maometto. Sono spuntati prima un gruppo di islamici egiziani e poi è arrivato un secondo gruppo di islamici marocchini. Hanno iniziato l'aggressione a Azer che si è difeso grazie ad un ombrello che aveva con sé. Azer è corso in direzione di un taxi, l'ha fermato e ha supplicato il conducente di chiamare la polizia perché – ha detto testualmente - “gli islamici mi vogliono uccidere”. Per fortuna sono intervenuti subito sia i soldati dell'Esercito addetti alla sicurezza sia la polizia. Azer è stato tratto in salvo e alcuni degli islamici sono stati arrestati. Azer ha sporto denuncia. Polizia e Digos sono ora sulle tracce degli altri islamici che hanno partecipato alla duplice aggressione. Il Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e il sindaco di Torino Piero Fassino hanno espresso la loro solidarietà a Azer. Il 24 luglio si è svolta una manifestazione di solidarietà a Azer, contro la violenza islamica, per il riscatto della sovranità e il ripristino della legalità a Porta Palazzo a cui hanno partecipato Silvana De Mari, scrittrice e presidente di Salviamo i cristiani; Magdi Cristiano Allam, parlamentare europeo e presidente di Io amo l'Italia; Ilda Curti, assessore per l'integrazione del Comune di Torino (in rappresentanza del sindaco Piero Fassino); Augusta Montaruli, consigliere Regionale Fratelli d'Italia; Giampiero Leo, consigliere Regionale Pdl; Maurizio Marrone, Capo Gruppo Fratelli d'Italia al Comune di Torino; Silvio Magliano, vice Presidente Pdl nel Consiglio Comunale di Torino; Emanuel Segre Amar della Comunità ebraica di Torino; Enza Furnari, consigliere Circoscrizione 3 di Torino; Giuseppe Grande, sindaco di Moriondo; Carlo Verra, ex-presidente del Coordinamento Comitati Spontanei Torinesi; Emanuele Pertusio, assessore al Comune di Moriondo; Daniele Zaia, segretario del Comune di Moriondo; Padre Ambrogio, della Chiesa ortodossa russa di Torino; Walter Maccantelli, consigliere nazionale di Alleanza Cattolica; Miriam Visalli del Centro Pannunzio. Il senatore del Pdl Lucio Malan e l'europarlamentare di Fratelli d'Italia Carlo Fidanza hanno aderito alla Manifestazione. Il messaggio della manifestazione ha voluto essere innanzitutto la solidarietà a Sherif Azer, cittadino italiano e cristiano esemplare che ha il coraggio di dialogare con i musulmani, nell'assoluto rispetto delle persone, per far conoscere civilmente la realtà dell'islam e del cristianesimo; la condanna della duplice vile aggressione a un rappresentante della Comunità Cristiana Copta di Torino; la richiesta alle autorità dello Stato e delle Istituzioni locali ad assumere tutti i provvedimenti politici e amministrativi atti a prevenire il ripetersi di simili attentati di stampo terroristico e, nel caso specifico, a restituire alla legalità e all'italianità Porta Palazzo che è stata trasformata in una zona extraterritoriale dove imperversano l'arbitrio e la sharia, la legge islamica, ai danni dell'interesse e della sicurezza dei residenti italiani e degli stranieri che vivono nella condivisione della civile convivenza. Si stima che solo a Torino risiedano oltre 2 mila cristiani copti su un totale di circa 40 mila in tutt'Italia. La quasi totalità sono integrati nella realtà socio-economica e in parte hanno acquisito la cittadinanza italiana, come è il caso della famiglia Azer, moglie e 4 figlie con cittadinanza italiana, con una avviata attività di imprenditore edile. Purtroppo anche in Italia i cristiani copti subiscono le violenze inflitte loro dagli islamici in Egitto. L'Associazione “Salviamo i cristiani” sollecita il ministro Alfano ad assicurare una adeguata protezione a Azer per dissuadere gli estremisti islamici dal ripetere le loro aggressioni di stampo terroristico. Sarebbe assai grave che dopo due attentati in una settimana da cui si è miracolosamente salvato, non si assumessero dei provvedimenti atti a porre fine a un comportamento inequivocabilmente illegale e che minaccia il diritto alla vita di un cittadino italiano. “Salviamo i cristiani” non è un'associazione religiosa ma un'associazione di rispetto dei diritti fondamentali della persona alla vita, alla dignità e alla libertà, prendendo atto che oggi più che mai sono proprio i cristiani le principali vittime al mondo della violazione di tali diritti ovunque nel mondo. Silvana De Mari Presidente dell'Associazione “Salviamo i cristiani”
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

“I terroristi islamici hanno rapito 200 donne cristiane: saranno stuprate fino alla morte”. La tragica denuncia di un sacerdote siriano 25/08/2013 19:15:57 di Padre Nader Jbeil “I terroristi islamici hanno rapito 200 donne cristiane: saranno stuprate fino alla morte”. La tragica denuncia di un sacerdote siriano Cari Amici, vi scrivo con grande rammarico e con il cuore profondamente ferito per l’ondata di violenza provocata dai terroristi mussulmani che trafigge giornalmente la Siria e che ha colpito anche il Libano. Ne è la prova il recente attentato a Beirut, dove con un'autobomba piazzata dai ribelli islamici sono morti più di quaranta civili e altri cinquecento sono stati feriti. La paura e l’orrore era visibile negli occhi di noi tutti. Tutto ciò si inserisce in quella drammatica spirale di sangue dove centinaia di innocenti ogni giorno perdono la vita. Questa amici carissimi è solo una goccia nell’oceano di violenza che ogni singolo giorno sono costretti a subire i nostri fratelli cristiani.        In Siria, la notte di Ferragosto ad Homs, nel villaggio cristiano di Marmarita dove c’è un santuario dedicato alla Madonna, i terroristi islamici di Jabhat al Nusra, per la sua posizione strategica hanno occupato l’antico castello trasformandolo nel loro nascondiglio e vi hanno consumato un nuovo massacro. Atrocità indescrivibili contro civili innocenti divenuti vittime sacrificali nel vortice della violenza compiuta da “bestie” assetate di sangue, trentacinque cristiani uccisi, non si conta il numero di feriti, e più di duecento donne (soprattutto ragazze) rapite, letteralmente trascinate e ridotte in schiavitù nel villaggio di Der al Zor, roccaforte dei terroristi di Jabhat al Nusra. Il destino di ognuna di loro è segnato dalla violenza e dalla crudeltà che subiranno, saranno torturate e stuprate, fino a quando la “morte” le libererà da tanta malvagità. La violenza continua nella città di Damasco dove anche ieri i terroristi islamici hanno bombardato il quartiere cristiano e dato alle fiamme l’ennesima chiesa, attacchi sempre mirati per colpire al “cuore” dei cristiani rimasti nella loro patria a difendere quello che di più sacro ha ogni essere umano il diritto alla propria dignità e a professare liberamente il proprio “credo”. L’obiettivo è annientare a qualunque costo, i luoghi che da duemila anni sono la “culla” del cristianesimo, e sottomettere tutti alla legge dell’islam, come è già successo in Afghanistan. Non c’è più un posto sicuro per i nostri fratelli “cristiani”, giorno dopo giorno c’è solo dolore e pianto di mamme disperate a cui uccidono figli e rapiscono figlie, anziani che silenziosamente vivono questo orrore impotenti davanti a tanta crudeltà e devastazione, padri inermi perché non possono difendere le proprie famiglie e dar loro un sicuro rifugio. Amici, le immagini delle continue atrocità a cui assisto ogni giorno, sono impresse nella mia mente, e il mio cuore è gonfio di angoscia, vi chiedo di unirvi a noi nella fervente e incessante preghiera al cuore Immacolato di Maria, nostra mediatrice presso Dio perché il seme della pace abiti in ogni cuore. Per questo chiedo ancora il vostro sostegno, avete già fatto tanto, ma vi chiedo di fare ancora di più, abbiamo bisogno di ogni più piccolo aiuto che ognuno di voi ci possa dare, aiuti economici e aiuti materiali, vi prego non lasciate inascoltato il mio grido che è la voce di migliaia di grida strazianti di chi ormai vive solo tra dolore e lacrime e ha perso tutto. Che il Signore benedica voi e le vostre famiglie. Vostro fratello in Cristo. Padre Nader Jbeil Direttore Radio Sawt el Sama 00961 76 800 054
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Il Papa accenna a un baciamano quando saluta la regina di Giordania 30/08/2013 09:26:23 di Luisa De Montis Il Papa accenna a un baciamano quando saluta la regina di Giordania (ilgiornale.it) - Papa Francesco accenna a un baciamano quando saluta la regina Rania di Giordania ricevuta in udienza assieme al marito, il re Abdallah Ibn Husayn. La semplicità e l’immediatezza di Bergoglio ancora una volta si manifestano. Il Pontefice mantiene gli stessi atteggiamenti e le stesse abitudini che aveva prima di salire al soglio petrino. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergoglio-accenna-baciamano-quando-saluta-regina-giordania-946311.html
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Padre Nader Jbeil: "I terroristi islamici vogliono eliminare il cristianesimo nei luoghi dove ha le sue radici" 02/10/2013 10:09:48 di Padre Nader Jbeil Padre Nader Jbeil: Fratelli carissimi, con il cuore colmo di dolore devo dirvi che, proprio in queste ore i terroristi islamici di al-Nusra hanno circondato, e sono in procinto di attaccare il Santuario mariano “Santa Maria di Seydnaya”, situato a nord di Damasco. Seydnaya risale al quinto secolo, e nel santuario vi è conservata l’immagine miracolosa della “Beata Vergine Maria” dipinta dall’apostolo ed evangelista Luca. Migliaia di visitatori di tutte le fedi e confessioni si recano ogni anno per pregare in quel luogo sacro. I ribelli islamici attaccano tutti i villaggi cristiani, e lasciano dietro di loro devastazione e lacrime, e con l’imminente attacco a Seydnaya, vogliono affermare la loro supremazia sui cristiani, come già accaduto con l’attacco al Monastero di Ma’lula . Amici, Seydnaya, Ma’lula sono centri cristiani di grande spiritualità in Siria, e i terroristi qaedisti attaccando questi luoghi sacri, attaccano il “cuore” della cristianità di tutto il mondo. I cristiani hanno sempre sostenuto Assad, perchè lui e suo padre prima di lui ha promosso la tolleranza religiosa,e anche nel bel mezzo del conflitto, i cristiani continuano a sostenere Assad perché la prospettiva di un governo fondamentalista religioso che impone la “sharia” e perseguita i cristiani è fin troppo reale, e inaccettabile. Fratelli ogni uomo ha il diritto di professare liberamente il proprio credo, ma è oramai ben chiaro che questa guerra si è trasformata in una “guerra religiosa” in cui i terroristi islamici con violenza è crudeltà vogliono eliminare il cristianesimo nei luoghi dove il cristianesimo ha le sue radici. Restiamo sempre uniti nella preghiera a Maria Regina della Pace. Dio vi benedica. Vostro fratello in Cristo. Padre Nader Jbeil Direttore di Radio Sawt el Sama Per contattarmi In Italia  Cell 0039 388 8787180 In Libano Fax. 00961 8813316   Tel. 00961 8813300   Cell. 0096176800054 In Siria  Cell 00961 959241986 E-mail.  amiconader@yahoo.it   sawtelsama@yahoo.it
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Il cammino del Faraone 11/08/2012 di Giancarlo Matta Il cammino del Faraone PRIMA PARTE Oltre quattro anni or sono, in un incontro con la Professoressa Ida Magli, ebbi modo tra l’altro di esporre come “gli elementi che rendono tanto spaventosa la prospettiva di una vittoria della barbarie islamica all’ interno della Civiltà Occidentale sono quegli stessi elementi che la rendono possibile…”. Osservazione tendenzialmente pessimista alla quale l’eccellente studiosa replicò con ancor maggiore pessimismo. Oggi tuttavia vorrei esporre, oltre alla mia consueta e perfida attitudine a biasimare l’islam, anche una esortazione a non considerare inevitabile “il crollo dell’Occidente”. Così, con la mia solita prosopopea intendo aggiungere a ciò che dissi allora: GLI ELEMENTI CHE COSTITUISCONO LA BASE (OVVERO LA MOTIVAZIONE) DEGLI SFORZI DEGLI ISLAMISTI TESI ALLA CONQUISTA DEL MONDO, SONO QUEGLI STESSI ELEMENTI CHE POSSONO VANIFICARNE IL RISULTATO E PORTARLI ALLA DEFINITIVA SCONFITTA. Le note seguenti (in parte attinte anche da InterNet) sono per certi versi ovvie. Se i nazisti si fossero contentati di una serie di purghe domestiche e di un po’ di espansionismo territoriale, oggi, forse, starebbero ancora amministrando uno Stato, forse, in decadenza. Una diversa storia, riguardante gli anni scorsi, forse parlerebbe di proteste popolari contro la disastrosa economia del NazionalSocialismo. E fermi lì. Ma Hitler e i suoi complici (per nostra fortuna) mancavano di senso delle proporzioni. Quando essi si gettarono nell’invasione della Russia, in una guerra africana, e in una battaglia aerea contro l’Inghilterra, con una dichiarazione di guerra all’America … fu l’inizio della loro fine. E la loro ideologia morì con loro. Una ideologia che combatte una guerra simultanea praticamente in ogni continente suona come qualcosa di simile al Nazismo. La “crociata” islamica che ci affronta è anch’essa altrettanto arrogante e troppo estesa. Gli islamisti sono convinti che vinceranno ogni battaglia perché è loro destino vincere. E che i loro nemici sono dei vigliacchi già facilmente dominati (vedi l’ONU) e ingannabili. Ma nel mondo libero il terrorismo musulmano sta trasformando l’immigrazione e la shari-a in un argomento che riguarda la sicurezza nazionale, e la arroganza della crociata islamica tesa a un nuovo califfato mondiale si sta creando velocemente molti nemici. Essa conta sulla tacita complicità e il sonante danaro dell’Occidente. Ma questo è sostanzialmente un punto debole. Se i musulmani si fossero concentrati su rivoluzioni nazionali, la maggior parte del rimanente mondo li avrebbe lasciati fare. I Capi dei Paesi occidentali hanno perso ogni entusiasmo per interventi armati decisivi pro o contro dei tiranni (Lo prova la lentezza delle campagne militari iniziate in Afghanistan, Iraq, Libia, Corno d’Africa). E se gli uomini d’affari Occidentali possono imparare a convivere con Dubai e l’Arabia Saudita, possono anche accettare trasformazioni degenerative simili in Egitto e in Siria. Dunque i musulmani avrebbero potuto mettere insieme, dalle loro parti, un ampio califfato praticamente senza obiezioni del mondo restante. Un poco come l’iniziale insegnamento staliniano del “socialismo in un solo Paese”. Ma al contrario essi hanno perso più tempo a concentrarsi sulla espansione di conquista esterna piuttosto che sulla rivoluzione interna. Come giocatori dilettanti, i capi delle organizzazioni islamiste si sono gonfiati di orgoglio ed hanno deciso che non possono perdere. Essi non si sono limitati dunque ad abbattere quel che ostacola i loro piani nei loro propri Paesi, al contrario hanno stabilito che avrebbero legato tutti i Paesi del mondo e li avrebbero tirati giù tutti insieme ai loro piedi. Un vero e proprio delirio di onnipotenza. Usando il terrorismo per intimidire e ricattare l’Occidente. E poi usando la ricchezza e l’immigrazione come leve principali per condizionarne le politiche. E la cosa sta funzionando abbastanza bene, fino ad ora. Ma bisogna ricordare che la maggior parte dei piani di battaglia funziona quando il nemico si difende poco. Gli islamisti stanno mettendo insieme molti nemici velocemente, senza considerare che cosa avverrebbe se questi nemici si unissero contro di loro. Hanno speso troppo tempo sogghignando della dipendenza Occidentale dal loro petrolio e dalla loro immigrazione per pensare a che cosa avverrebbe il giorno in cui il tubo dell’oleodotto e la via dell’immigrazione fossero chiusi. Come i nazisti, si stanno baloccando in sogni di gloria anziché prendere nota di tutti i posti in cui stanno avanzando, di tutte le guerre palesi e occulte che stanno combattendo, di tutte le moschee che stanno costruendo, e accorgersi di quanto tutto questo li renda vulnerabili. La Fortuna molto spesso arride all’aggressore che prende l’iniziativa. Vero. Ma questo solo fino a quando non esagera. Perché allora è la controparte, che prende l’iniziativa. Hitler si reputava abbastanza forte per prendere la Renania, per inglobare l’Austria, per impossessarsi della Cecoslovacchia, e della Polonia, agendo nell’inerzia del mondo. Poi, con i bombardieri che volavano sopra Londra e i carri armati molto addentro al territorio russo, il Terzo Reich e i suoi alleati sembravano inarrestabili. Ma pochi mesi dopo le truppe nemiche stavano distruggendo Berlino. Ecco il problema, quando si pensa che si vincerà perché si è destinati a vincere. Quando finalmente ci si accorge in quale inestricabile guaio ci si è messi, è troppo tardi. SECONDA PARTE Alla fine del 1941, la Germania prendeva l’iniziativa anche contro quell’America che avrebbe determinato nuovamente un’inversione della marea. È difficile trovare un caso più chiaro di oblio completo delle lezioni di una guerra. Ma i nazisti erano giunti al potere respingendo o sottovalutando le lezioni politiche, militari ed economiche della Prima Guerra Mondiale. L’asserzione che la Germania aveva perso perché era stata tradita la condannava a perdere una seconda volta. Gli islamisti soffrono dello stesso atteggiamento di distorta percezione della realtà. E la negazione della storia li condanna a riviverla. La loro asserzione che gli Stati islamici sono immuni dai problemi sociali ed economici tipici degli Stati  secolari implica che le  loro  aspirazioni  per  un califfato crolleranno trasformandosi in guerre civili.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Il mito del terrorista suicida è l’ultima disperata risorsa di un’ideologia illusoria che cerca di negare le proprie umane vulnerabilità coprendole con un torvo ma sfilacciato sudario metafisico. La purezza della dottrina razziale e religiosa non corrisponde all’onnipotenza. E l’espansionismo islamico ha il dovere di imparare di nuovo la stessa lezione che la Seconda Guerra Mondiale dispensò agli aggressori recidivi che la scatenarono. Il califfato e il Terzo Reich sono le visioni di maniaci e di demagoghi che cercano di rimettere indietro il calendario storico nell’illusione di tornare a un passato mitico. Costruiscono castelli di sabbia su una spiaggia insanguinata. Gli ossessivi e parossistici progetti di costruzioni coi petrodollari di Dubai hanno qualcosa che ricorda Albert Speer. Grandissime costruzioni per mostrare la grandezza di un regime, nel momento in cui ne rivelano la mancanza di senso, di creatività, di rispetto per l’ambiente. E la propria sottostante insicurezza. L’ossessione che già fu dei nazisti, dei comunisti ed ora è dei musulmani, per la costruzione di strutture gigantesche, rivela qualcosa dell’insicurezza che sta dietro la loro violenza. Le insicurezze interiori conducono alla grandiosità. Le aggressive pretese che descrivevano “romanticamente” allora l’uomo ariano come sovra-umano, ovvero “religiosamente” oggi l’uomo islamico volontario suicida come il martire interprete dello Jihad trionfante, condividono un comune disprezzo per l’umanità. E dietro il disprezzo, la codarda paura di essere soltanto persone mediocri. L’ambizione del califfato nasconde la propria stessa putrefazione sub-etica. La pretesa grandiosità di uno Jihad in tutto il mondo non è l’opera di persone dal forte pensiero ideale, ma di persone deboli. E qui di nuovo rifilo malignamente un assioma (che già potrebbe essere riferito alla Civiltà nostra ma mi affretto ad aggiungere che la Civiltà nostra non è mica basata solo sul danaro, per nostra buona sorte…..): le economie forti danno origine al pensiero debole, che è una delle principali cause della loro rovina. State a vedere che agli arabi l’ubriacatura petrolifera dei pochi decenni scorsi, inebriandoli di quattrini e di conseguente pulsione a dominare, li porterà al crollo. Il Jihad non è messo in marcia perché è forte, ma perché i suoi promotori sono incapaci di offrire qualsivoglia soluzione reale ai problemi empirici interni della nazione musulmana, con o senza ingenti ricchezze. Tutto ciò che i capi islamici offrono (a prescindere dalle fazioni nelle quali essi sono divisi e apparentemente contrapposti) sono servizi sovvenzionati e regalie in cambio del sostegno acritico e del sacrificio popolare. Come quelle nazista e comunista, anche l’utopia islamica è insostenibile. Il sogno di una banda di stolti incoraggiati da avidi ladri e difesi da crudeli assassini. E come quelle, aumenta la propria credibilità estendendo il conflitto. Ponendosi ipocritamente come la forza della luce che si oppone alle tenebre. E come quelle, l’Islam distrugge le società di cui si impossessa, per continuare una guerra che non ha scopo se non quello di nascondere la stupidità criminale e la arretratezza delle sue dottrine, e l’incompetenza miserabile dei suoi esegeti visionari. La connaturata instabilità sociale dell’Islam rende necessario il suo espansionismo. Così come l’instabilità economica del NazionalSocialismo rese necessaria la Notte dei Cristalli e l’invasione della Polonia per l’élite nazista. O i fallimenti socio-economici del Comunismo Sovietico resero inevitabile il suo espansionismo in parte incoraggiato da una certa capacità di seduzione ideologico-religiosa (che si concluse in una implosione). La forte ideologia guerresca di una nazione non fallisce internamente finché non fallisce anche esternamente. Il Jihad islamico è un’instabilità sociale grave mascherata e truccata da espansionismo mediante l’inganno e la forza bruta. Debolezza che finge di essere forza. Gli avvenimenti in Iran e Siria hanno mostrato che i regimi islamici non sono più stabili di quelli secolari. Alla fine l’avidità dell’oligarchia che governa e il fanatismo dei suoi religiosi andranno a schiantarsi contro la barriera della frustrazione e della collera pubblica, anche alimentate dalla percezione del differente e invidiabile tenore di vita di Società libere e moderne. L’esportazione della stessa instabilità e della stessa violenza fanatica nelle nazioni Occidentali attraverso l’immigrazione può far barcollare il mondo libero. Ma molto più probabilmente porterà ad una reazione severa. Ed è esattamente ciò che sta iniziando ora. Della intima meschinità e malvagità di carattere degli islamisti in quanto tali, nonché dell’assoluta inconsistenza della loro pretesa metafisica, si sta rendendo sempre più consapevole il cittadino medio del mondo libero. Sarà vero come le Società Occidentali hanno bisogno degli immigrati, ma entro un certo limite. A parte il fatto che tanti immigrati possono ben provenire da Paesi non islamici, questo limite sarà presto raggiunto quando si renderanno conto (specialmente le forze di sinistra) che l’immigrazione degli islamici e la loro violenza rende vano il sogno di una nuova e migliore Europa e di un mondo regolato da leggi internazionali che difendono la Libertà. In ogni caso si è ben constatato come le utopie tipiche del pensiero della sinistra Occidentale hanno manifestato una efficacia e addirittura una vita limitata. Queste utopie man mano crollano malgrado abbiano ancora numerosi sostenitori, e non sono né saranno di grande utilità pro o contro gli immigrati islamisti né per la violenza che essi portano con sé. L’Islam sta comunque spingendosi troppo oltre. I suoi successi geo-politici (derivati essenzialmente dalla iniziale debolezza degli interlocutori) hanno infiammato il suo senso del destino. Ma la geo-politica cambia col tempo. E diversamente da ciò che avviene in una multiforme società tecnologica evoluta dotata anche di un esercito competente e motivato, i vantaggi politici ed economici che vengono soltanto dal petrolio, ancorché grandi, sono insieme vulnerabili e soggetti a rapidi cambiamenti. Basti pensare agli attuali diffusi sforzi scientifici e tecnici, e alle importanti prescrizioni Normative che nel Mondo Libero tendono a ridurre drasticamente la nostra dipendenza dal petrolio. L’immaginario giroscopio della storia sta girando il suo asse. E mentre i musulmani sono convinti che stia ruotando in direzione a loro propizia, farebbero bene a ricordarsi come i gloriosi e relativamente brevi tempi passati della dominazione che essi stanno tentando di riafferrare arrivarono alla loro fine per ottime, solide ragioni. E che la Storia colpisce più duramente coloro che rifiutano di impararne le lezioni. E si renderebbero conto che essi sono divenuti attualmente i suoi peggiori alunni. Un antico aneddoto egiziano dice: “Il vecchio osò domandare al Faraone: -come hai fatto a diventare così potente? -NESSUNO HA TENTATO DI FERMARMI. Fu la risposta.” Sappiamo come andò a finire. Oggi, molti hanno deciso di fermare gli islamisti.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

La libertà e il corpo delle bambine 23/08/2012 15:41:57 di Silvana De Mari “la guerra è pace” “la libertà è schiavitù” “l’ignoranza è forza” George Orwell Chi ha grandi poteri ha grandi responsabilità. Spiderman. Chiunque abbia seguito con attenzione gli eventi classificati nel loro insieme dai media occidentali come primavera araba, si è reso conto di come questa dizione suoni ogni giorno più orwelliana. La seconda cosa di cui ci rendiamo conto è che la parola che ossessivamente risuona nelle parole dei Fratelli Mussulmani e la parola libertà, ed è questa ossessiva ripetizione, la continua dichiarazione che la soluzione di ogni problema è la libertà, che ha spinto e spinge molti commentatori ad continuare a usare la parola primavera araba. La parola libertà è quella anche presente nella Dichiarazione della Libertà dell’Uomo Islamico di seguire la Umma, http://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione_de_Il_Cairo_sui_Diritti_Umani_delle_Nazioni_Islamiche equiparata dall’onu ( minuscolo, non è un errore) alla Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo. Se un uomo non può seguire la sharia, la sua libertà è violata. C’è una certa logica. Attenzione: non solo se un uomo non può fare quello che la sharia obbliga, ma anche se non può fare quello che la sharia permette, la sua libertà è violata.. Quindi la parola libertà ossessivamente presente ha una sua logica. Inoltre, dato che l’islam deve prevalere, nella libertà dell’uomo islamico non deve esserci nessuna reciprocità E’ l’islam la religione giusta, tutte le altre sono errate. L’uomo islamico deve avere tutti i diritti garantiti dalla sharia se vive in Inghilterra, ma questo non leva che la messa cristiana, dove si beve vino, debba essere vietata in Arabia. Cosa dice la sharia? La legge islamica, rileggete l’articolo di Renè Marchand, ha la vita di Maometto come fonte di dottrina. Tutto quello che ha fatto Maometto è giusto. Quindi è giusto per un uomo “sposare” una bambina di otto anni, perché questa è l’età della terza moglie di Maometto. Chiunque impedisca a un islamico di sposare una bambina di otto anni sta violando una sua libertà fondamentale, chiunque condanni o anche solo critichi chi sposa una bambina di otto anni sta criticando il profeta Maometto. Quindi recapitoliamo. Un tizio che si chiama Smith o Rossi o Dupont che desideri sposare una bambina di otto anni, e fare con lei le cose che si fanno nel matrimonio, incluso introdurre il proprio pene nella vagina di lei, commette un crimine. Se si chiama Mohamed invece sta attuando un suo pieno diritto e chi glielo contestasse violerebbe la sua libertà. Mi scuso per l’accenno al pene e alla vagina, non voleva essere trash, ma semplicemente ricordare che non sempre la vagina di una bambina di 8 anni è sufficientemente elastica, sa sopportare la presenza ripetuta del pene, tanto più che per motivi ormonali manca la secrezione delle sostanze che la lubrificano, e in più è sottile. Madre natura è un po’ zucchina, ha l’islamofobia anche lei . Qualche volta capita, è raro, certo, sono la prima a riconoscerlo, fino ad ora solo un caso di morte denunciato in tutto il mondo, che la vagina si rompa, si abbia una frattura dei fornici, e conseguente peritonite, che è una patologia che dura ore, quindi c’è tutto il tempo di portare la bambina al pronto soccorso, non è il caso di preoccuparsi. Dopo la Rivoluzione Khomeinista l’età in cui i bambini passano alla pubertà è stata abbassata a 9 anni per le bambine e a 15 anni per i maschi.Ha specificato Mohammad Ali Isfenani: “Per le bambine nove anni è l’età in cui si raggiunge la pubertà e si è pronte per sposarsi. Fare altrimenti contrasterebbe con la legge islamica della Sharia”. Secondo la Women’s News Network ogni anno nel mondo si sposano oltre dieci milioni di ragazzine sotto i 18 anni, solitamente senza il loro consenso, ma in nozze con uomini molto più vecchi. Bambine di otto anni, nove, dieci e undici sono normalmente sposate in Arabia Saudita e Yemen e ovviamente nella capitale di Eurabia, il Regno Unito. Finalmente i servizi sociali si sono allertati? Ma non diciamo idiozie. I servizi sociali quando c’è la parola islam sono sotto un sasso come le lucertole a ferragosto. Semplicemente i matrimoni con bambine sono talmente normali che hanno cominciato a farli anche in moschea, ufficialmente. Queste bambine sono di origine pachistana e tutte nate in Inghilterra, quasi sempre figlie di genitori nati in Inghilterra. Al mattino si alzano dal letto del loro marito padrone, gli preparano la colazione, si prendono i calci se la colazione non è buona, mettono sulla loro vagina dolente e sui loro lividi la divisa scolastica, gonna scozzese, camicia bianca e velo, e vanno a scuola. Queste bambine vanno a scuola e ascoltano le idiozie che racconta l’insegnante, che loro sono cittadine britanniche. Prima o poi i loro corpi impuberi cresceranno, e loro resteranno incinte e metteranno al mondo figli che , nessuno si faccia illusioni, si faranno esplodere in una metropolitana con una cintura esplosiva. Chi siamo noi per criticare le usanze degli altri? Esseri umani. Dove il giudizio è sospeso è sospesa l’umanità. A furia di sentirci ripetere che non dobbiamo avere pregiudizi, credendo che pregiudizio voglia dire giudizio negativo, non osiamo criticare nulla di extraeuropeo. Questo crea un riflesso condizionato micidiale. Molte persone coraggiose ed oneste nel criticare comportamenti di occidentali, sono paralizzate dall’orrore di criticare persone di origine africana o asiatica.(cfr La mistica della Penitenza, Il singhiozzo dell’uomo bianco. Pasqual Brukner Guanda editore) Quando l’Impero Britannico arrivò in India, era uso irrinunciabile la pratica del sutthi, vale a dire quando un uomo moriva prima della moglie, costei andava bruciata viva sulla pira funebre del marito. La prima cerimonia funebre dopo l’arrivo dei britannici, la giovane vedova già legata sulla pira, fu interrotta da un ufficiale britannico che si presentò a capo dei suoi dragoni con i fucili spianati. «La nostra civiltà ci obbliga a bruciare la vedova, che non sopravviva al suo padrone », obbiettarono i presenti. «La mia civiltà mi obbliga ad aprire il fuoco su chi brucia una donna », rispose l’ufficiale. «E i fucili ce li ho io ». Quindi è tutto qui. La nostra civiltà difende le bambine. Noi difendiamo l’individuo, l’individuo e basta, perché l’individuo esiste, ha gambe , braccia, occhi, una testa. Non difendiamo le religioni, non difendiamo le civiltà. Se una religione permette una cosa mostruosa come il matrimonio di una bambina di otto anni la nostra civiltà ci ordina di affermare, scrivere, firmare che quella religione è sbagliata, un crimine contro l’umanità. I miei margini di dialogo con chi lapida una bambina di dodici anni sono di impedirglielo fisicamente o morire nel tentativo. I miei margini di dialogo con chi ritiene che sia giusto dialogare con chi lapida una bambina di dodici, anni sono di sommergerli nel disprezzo. Quindi qualsiasi intellettuale, uomo politico e sedicente filosofo, prelato, sia andato a stringere la mano ai carnefici iraniani, assassini di bambine e aspiranti distruttori dello stato di Israele, rientra nel mio disprezzo più assoluto. Signori, la mia civiltà, la mia unica civiltà, mi ordina la verità, che è quello che ci renderà liberi. La verità è che siete dei cialtroni andati a stringere le mani a degli assassini.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Senza le crociate nessuno di noi esisterebbe come persona libera: oggi saremmo tutti islamizzati!
30/08/2012 11:47:18 di Silvana De Mari. Senza le crociate nessuno di noi esisterebbe come persona libera: oggi saremmo tutti islamizzati! Senza le crociate nessuno di noi esisterebbe come persona libera: oggi saremmo tutti islamizzati! alcune sue considerazioni su islam e crociate, ambedue prese da Tristi Tropici. Sono considerazioni fatte da un ebreo libero pensatore, non da un gesuita.
"L’evoluzione razionale è inversa a quella della storia. L’islam ha tagliato in due un mondo più civile. Che l’Occidente risalga alle fonti del suo laceramento: interponendosi fra il buddismo e il cristianesimo, l’islam ci ha islamizzati; quando l’Occidente si è lasciato trascinare dalle crociate ad opporglisi e quindi ad assomigliargli piuttosto che prestarsi, se l’islam non fosse esistito, a quella lenta osmosi col buddismo che ci avrebbe cristianizzati di più e in senso tanto più cristiano in quanto saremmo risaliti al di là dello stesso cristianesimo. Fu allora che l’Occidente ha perduto la sua occasione di restare femmina"
Saltiamo a piè pari le considerazioni sul buddismo come forma di cristianesimo non cristiano, unico cristianesimo possibile in popoli che non hanno potuto avere per motivi geografici né la conoscenza di Mosè, né quella di Cristo, teoria su cui possiamo essere in accordo o disaccordo, non è questo il punto. Il punto è che le crociate sono state guerre di difesa senza le quali non esisteremmo. Combattere imbarbarisce. In più il combattere qualcuno è una forma di intimità. Si assumono per contagio le caratteristiche di colui che si sta combattendo. Il cristianesimo, religione asiatica che si è sviluppata in mezzo a popolazioni feroci, romane e barbare, aveva già cominciato a ingentilire i popoli ed aumentarne la potenza etica, quando ha avuto due scelte: imbarbarirsi o perire. L’Europa ha avuto due strade: non resistere e soccombere, resistere e imbarbarirsi. Abbiamo resistito, e siamo rimasti l'unico continente dove la religione asiatica del cristianesimo esisteva ancora. Senza le crociate il cristianesimo sarebbe stato spazzato via e ora l'islam sarebbe l'unica religione. Esistiamo. Il cristianesimo che non si è imbarbarito abbastanza da vincere una guerra militare, Nord Africa, Sudan, Iran, Iraq, Siria, Palestina, Turchia, come il buddismo afghano e pachistano, come l'induismo indonesiano e del Bangladesh, semplicemente non esiste più.
Nella Bibbia e nel Vangelo, si parla anche di un Dio degli eserciti. Un uomo può porgere l'altra guancia quando si tratta della sua faccia. Quando in gioco ci sono la testa dei figli e il ventre delle donne, il potere militare non è vietato. Il potere militare nel soccorso non è vietato nemmeno nel cristianesimo. E' un potere che ha degli obblighi imprescindibili, il rispetto dei civili, il rispetto dei prigionieri, ma il pacifismo suicida non è un ordine religioso. Gli uomini che sui loro carri armati sono entrati nel campo di sterminio di Dachau, non hanno violato la Legge. Erano partiti da una terra non minacciata ed avevano traversato il mare per venire a fare la guerra. Anche loro erano crociati, come crociati erano gli uomini che hanno abbattuto il potere del sultanato liberando interi popolo da un giogo feroce. Osama Bin laden, correttamente, li identifica come tali. Sui vostri libri c'è scritto che le crociate sono guerre ignobili? Sono state guerre di difesa, senza le quali non esisteremmo. Quando i crociati sono stati sconfitti il teatro dello scontro si è spostato a Costantinopoli e poi a Vienna, ma a quel punto avevamo ricuperato la nostra forza e abbiamo tenuto. Se lo scontro fosse stato spostato sulla nostra terra, la Spagna e la Sicilia erano già cadute, con tre secoli di anticipo non ce l'avremmo fatta. A Gerusalemme il cristianesimo come l'ebraismo, era la religione autoctona e l'islam era l'invasore. Per quattro secoli la cristianità ha con saggezza e bontà pacifista (o vigliaccheria) assistito al jihad che massacrava la cristianità di Siria, Egitto Libia, Sudan Algeria, Marocco, Mesopotamia (Iraq), poi dopo che Gerusalemme è stata conquistata con il ferro e il fuoco, il Santo Sepolcro distrutto (era una collina. Distrutto come i due Budda in Afganistan), i pellegrini crocefissi, allora sono andati in guerra e ci sono andati come uomini dell'undicesimo secolo, che non si giudicano con standard attuali. Hanno massacrato ebrei innocenti, non ho parole per dire quanto mi addolori, è una delle (numerose) cause della mia fedeltà assoluta allo Stato di Israele, ma attenzione: gli ebrei uccisi dai crociati nella prima crociata sono numericamente inferiori a quelli sterminati dagli arabi quando prendono Toledo. Noi abituati all’autoflagellazione dimentichiamo sempre i numeri. I popoli dove il cristianesimo non c’è uccidono molto di più. Sempre. Quando Jengis Khan prende Pechino, i morti sono mezzo milione. Quando Maometto Secondo prende Costantinopoli lo sterminio è spaventoso.
Nelle crociate, ricordiamolo, gli aggressori, chi aveva cominciato, erano gli altri. Che Gerusalemme sia una città santa dell’islam, Gerusalemme mai nominata dal Corano, dove Maometto non è mai stato, è una teoria nemmeno condivisa da tutti nell’islam. Che l’islam debba avere diritti su Gerusalemme è un’idea discutibile, che questi diritti debbano essere superiori a quelli di cristiani e soprattutto ebrei, è delirante. In più la teoria che un tizio passato alla storia come il feroce Saladino fosse tollerante e compassionevole è ridicola. Quando i musulmani prendono Gerusalemme distruggono il Santo Sepolcro, quando i cristiani prendono Gerusalemme non distruggono la moschea con la cupola dorata. Chi sono gli intolleranti? Le pietre non mentono. Quando ti rimproverano le guerre di difesa, allora vuol dire che il tuo compito è farti cancellare dalla superficie della terra, mentre te ne stai buono buono. I cristiani che non vogliono combattere militarmente, che non riconoscono che Cristo intenda un Dio degli eserciti, nominato come tale solo una volta nei Vangeli, allora devono combattere ideologicamente, hanno però il dovere di combattere ideologicamente: dichiarando che la religione dei disarmati è migliore, superiore, che la religione che assolve l'adultera è migliore di quella che la lapida, così che le loro voci possano convertire i loro aggressori e si arrivi alla vittoria, per via non violenta.
Disarmati e imbavagliati non è cristianesimo: è idiozia suicida. In più: l'ordine di porgere l'altra guancia non può essere esteso agli Stati: date a Cesare quel che è di Cesare. La protezione delle leggi dello Stato e dei suoi confini è di Cesare, altrimenti diventiamo teocrazia. La bontà non può essere statale. Ogni cittadino deve poter andare all'inferno, chi gli impone statalmente di essere buono viola la sua libertà e stravolge il cristianesimo, che è legge morale, non statale. In uno Stato fanno parte credenti, poco credenti e atei. I credenti non possono imporre la loro non belligeranza davanti ad un’aggressione. Poi possiamo discutere se la non belligeranza sia una scelta etica. Posso non difendere me stesso, ma posso non difendere degli innocenti? Se esistesse la macchina del tempo non avrei nessun dubbio a fare domanda per far parte del contingente che ha liberato Buchenvald e chiederei di andare con un mitragliatore. Il giorno in cui mi trovassi di fronte alla lapidazione di un’adultera cercherei di impedirlo fisicamente o morirei nel tentativo. Impedire fisicamente vuol dire con le armi. Stare fuori dai conflitti e lasciare gli altri a morire non è una scelta etica ma una vigliaccata. Il cristiano che rifiuti l’idea di combattere non sta fuori dai conflitti, ma ci va da disarmato: si mette davanti all’adultera e muore con lei. Non la salva, ma non la lascia morire da sola e testimonia con la sua morte quanto ritenga iniqua quella morte. Combattere con le armi per liberare l’adultera e morire con lei sono due scelte etiche. Non fare un accidente non è una scelta etica e dire che la lapidazione è un cosa che non possiamo giudicare perché “ è la loro civiltà” è la negazione dell’umanità e del pensiero.
Senza le crociate io non esisterei. Senza le crociate nessuno di noi esisterebbe. Le crociate hanno avuto il merito di rallentare la conquista del Mediterraneo. Se il Mediterraneo fosse diventato islamico prima del 1453 non ce l’avremmo fatta a resistere. Se Vienna fosse stata assediata prima, l’avrebbero presa. Tutto qui.
Nel contingente della prima crociata facevano parte anche i sudanesi, che all’epoca si chiamavano regni copti di Dongola e Axum, che stavano salvando la religione in cui credevano, stavano anche cercando di salvare il corpo delle loro donne e la vita dei loro figli. Non ce l’hanno fatta. Il Sudan poi, è stato conquistato ed ora è una terra di sassi e scorpioni. La raffinata civiltà copta è stata spazzata via e nessuno la ricorda nemmeno più.
“Ho incominciato a riflettere in un momento in cui la nostra cultura aggrediva le altre culture, di cui perciò mi sono fatto testimone e difensore. Adesso ho l’impressione che il movimento si sia invertito e che la nostra cultura sia sulla difensiva di fronte alle minacce esterne e in particolare di fronte alla minaccia islamica”. Claude Levi Strauss.
Claude Lavy Strauss è morto sconvolto dall’orrore di una Francia e un’Europa che si avviano a diventare islamiche. Il fondatore della moderna antropologia e dell’antirazzismo scientifico, quindi, temeva moltissimo l’islam, era “islamofobo”, temeva l’islam perché temere l’islam e opporsi non è razzismo ma antirazzismo.
Sulle crociate è irrinunciabile il libro di Robert Spencer (Lindau Ed.) che anche lui come Magdi Cristiano Allam e Bat Ye Or gira con la scorta.
In più ricordiamo Osama Bin Laden: l'11 settembre ha punito crociati e sionisti. Se ancora avevamo dei dubbi!
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.

Le stragi in Siria: se la cristianità non afferma che l'islam è un nemico mortale sarà spazzata via 10/10/2012 22:00:59 di Silvana De Mari Le stragi in Siria: se la cristianità non afferma che l'islam è un nemico mortale sarà spazzata via Notizie atroci arrivano dalla Siria. Foto di chiese depredate e bombardate, miliziani della jihad islamica che mostrano in caroselli fatte con le auto le croci divelte come bottino di guerra. La foto di un bambino sgozzato. La foto di un uomo con il volto tumefatto cui per ridere è stato divelto un occhio. La foto di un cadavere cui è stata tagliata via la faccia da vivo. Un gruppo di bimbi è accoccolato sulle macerie del convento che fungeva da orfanatrofio. Una decina di bambini dorme per terra sul pavimento di un’aula scolastica: sono i profughi in Libano, accolti nelle scuole perché non c’è altro. Anche gli islamici soffrono in questa guerra terribile: trecentomila sono in Giordania, racconti in campi profughi, ma per loro almeno c’è qualche aiuto, per loro si alzano campi profughi: tende, cucine, latrine campi giochi. Per i cristiani non ci sono aiuti. Gli aiuti internazionali sono distribuiti da organizzazioni islamiche che non soccorrono i cristiani. Perché dovrebbero? Uno degli scopi della guerra civile in Siria è “purificare la Siria dal cristianesimo”. La Siria è la seconda culla della cristianità. Le trecento chiese più antiche sono in Siria, o forse sarebbe più corretto dire che erano in Siria, fino all’anno scorso. Ora non so cosa ne resti. La terza culla della Cristianità è il posto che adesso si chiama Turchia, perché prende il nome dai turchi, popolazione arrivata dall’Asia centrale. La città che ora si chiama Istanbul si chiamava Costantinopoli ed è la città dove la cristianità è uscita dalla persecuzione, quindi dovrebbe essere una città santa del cristianesimo. Costantinopoli è caduta il 29 maggio del 1453 ed era martedì. L’evento è stato una tale tragedia da essere stato messo dal popolino sullo stesso piano della crocifissione di Cristo avvenuta di venerdì, e ricordato in una specie di proverbio. Di Venere e di Marte non ci si sposa e non si parte e non si comincia un’arte. La superstizione è un tentativo di rendere prevedibile la storia sottraendola alla follia, e contiene, come ogni mito , la realtà degli eventi. Cominciò con il massacro della presa di Costantinopoli l’estirpazione della cristianità dal Mediterraneo. I cristiani erano il 100% della popolazione della “Turchia”, all’inizio del secolo scorso erano il 30%, poi il genocidio degli Armeni, le conversioni forzate e la fuga ne hanno ridotto il numero allo 0,6%. Nella città dove è stata scritta l’Apocalisse di San Giovanni il cristianesimo non esiste più. L'Apocalisse si rivolge alle Chiese d'Asia, perché il Cristianesimo era un religione asiatica: dall'Asia è quasi completamente estirpato. I turisti in Turchia sono accompagnati da guide che mostrano rovine con scritte greche e latine che loro non sanno decifrare: perché dovrebbero? La lingua degli sconfitti, come la loro cultura è spazzatura. Il cristianesimo tra non molto non esisterà in Siria, per eliminarlo occorre annientare i corpi dei cristiani, ucciderli, torturarli, spingerli alla fuga. Il loro dolore è inascoltato. Ascoltarlo è politicamente scorretto, vuol dire far saltare la grande menzogna del dialogo interreligioso: andate a dialogare con i miliziani che urlano felici dopo aver distrutto una chiesa e sulle loro jeep vanno a caccia di cristiani. Vuol dire far saltare la menzogna che non è in atto uno scontro di civiltà. Vuol dire far saltare la menzogna che il problema è Israele. Molte gerarchie religiose amano l’islam, diciamocela questa verità, perché è maledettamente vera. Violando il Vangelo che ordina, un ordine tassativo, assoluto, l’obbligo principale di ogni cristiano, di evangelizzare, portare la buona Novella, che è una e una sola, affermano che tutte le religioni portano a Dio e rifiutano di “fare proseliti”, cioè convertire. Il cardinale di Milano ha compiuto l’agghiacciante gesto di inchinarsi davanti al ramadan: il suo compito era affermare che il ramadan è una pratica crudele che costringe a soffrire la fame e la sete e distrugge la capacità di lavoro, distrugge gli stessi neuroni, e affermarlo fino al martirio. La cristianità non esisterà tra breve in Nord Africa, che quando era cristiano era ricco, verde, la Libia era il granaio dell’impero, era colto: la biblioteca di Alessandria, le dispute filosofiche, le pitture belle come quelle di Fayum: tutto cancellato, tutto perso. L'agricoltura affidata a schiavi ha distrutto l’irrigazione, che presuppone lavoro intelligente, non coatto, di gente che lavora per sé e per i propri figli. Il taglio degli alberi per fabbricare le navi che per secoli hanno fornito schiavi, era la mia gente, ha desertificato il Nord Africa. Il Sudan è stato un luogo ricco e colto, culla della civiltà copta, che dall’Egitto ha raggiunto l’Etiopia. I regni copti di Dongola e Axum hanno partecipato alla prima crociata. Lo hanno fatto per liberare il Santo Sepolcro, distrutto dagli islamici, che crocifissero i pellegrini: l’idiozia dell’islam religione di pace e tolleranza lasciamola ai deliri del regista Ridley Scott, l’idiozia delle crociate fatte per motivi economici, in un’epoca in cui dell’economia non si aveva nessuna idea, lasciamola alla critica degli storiografi marxisti, che, poveretti, partono dal presupposto che Lenin fosse intelligente e Marx buono, che non sono nemmeno riusciti a capire che il marxismo altro non è che la teorizzazione del ritorno allo stato feudale e quindi sono allenati alla storiografia fantastica. Ma non è stato il solo motivo: c’era anche la necessità di salvare la testa dei loro figli e il ventre delle loro donne: una volta diventato il Mediterraneo un mare islamico, la cristianità sarebbe stata distrutta, come l’ebraismo. Islamico, il Sudan è un luogo di dolore, miseria, sterminio. La cristianità preferisce aggredire Israele, inventarsi che il popolo palestinese, così si chiamano adesso gli occupanti islamici di Samaria e Galilea, che gli egiziani spostati nella Striscia di Gaza da Nasser siano un popolo che sta subendo un’occupazione militare, un popolo che ha il “diritto” di distruggere lo stato di Israele, o perlomeno di continuare a provarci, senza che gli israeliani abbiano il diritto di difendersi. Cosa c’entra Israele con i cristiani massacrati in Siria? E con i copti massacrati in Egitto? E con i cristiani bruciati vivi in Nigeria: c’è un agghiacciante filmato che mostra corpi in fiamme che cercano di sottrarsi. C’entra, anzi è tutto lì. La parte più ignobile e folle della cristianità, o delle persone che si credono cristiane, si è schierata contro Israele. Nella mente di molti, di troppo, è rimasta l’idea folle che un popolo abbia la responsabilità del Deicidio. La responsabilità del Deicidio ce l’ha Dio. Gesù Cristo deve andare verso la morte, è necessario, non la evita e la cerca. Lui è l’unico responsabile di una Morte che è il Dono a tutti noi, la certezza che nel dolore c’è Dio, non una sua punizione. Dal punto di vista storico la crocifissione, supplizio romano, è stata eseguita da soldati Romani, sotto l’impero romano, per ordine di un prefetto romano. Gesù è stato ucciso da romani, non dai romani, tutti, ma da alcuni romani, quelli lì, quelli presenti, in quel momento. Era stato condannato a morte da ebrei, non dagli ebrei, da alcuni ebrei, altri erano suoi seguaci, la maggioranza non sapeva nemmeno cosa stesse succedendo e nemmeno chi fosse Gesù perché non abitavano a Gerusalemme e non l’avevano mai incontrato. Coloro che lo avevano condannato a morte avevano chiesto la sua morte, non che fosse ucciso in maniera così atroce. In realtà ricordiamoci che Cristo era ebreo, uno di loro, e che i romani erano gli altri, i nemici, gli occupanti. Esiste una teoria, e non è del tutto balzana, che il sinedrio abbia condannato a morte Gesù dando per scontato che con la sua dialettica davanti a Pilato se la sarebbe cavata, evitando la pena di morte. Era una maniera per rimettere in riga un eretico. Ma Gesù davanti a Pilato tace, perché deve andare incontro al suo destino, che è la nostra salvezza. Moltissimi cristiani conservano l’odio per gli ebrei, l’odio per Israele, si sono alleati spiritualmente o fisicamente con l’islam perché distrugga Israele e realizzi così l’antisemitismo che conservano nelle loro menti minuscole e nei loro cuori aridi e secchi come il deserto che ha racchiuso la grandezza di Cristo per 40 giorni senza esserne toccato e senza germogliare.
666 vagina 9anni Allah Mecca Caaba sharia Pray

 Burn Satana: in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! da un cimitero dovete uscire ed in un cimitero voi dovete entrare DEFINITIVAMENTE! amen Almighty, Amen, Holy, Holy, Holy, Alleluia Alleluia Alleluia Alleluia.