King Saudi Arabia: Who is by God

YouTube

644479 iscritti
70567197 visualizzazioni video

  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    King Saudi Arabia: Who is by God? he is full of love! but, what about you, you are full of hate! 11/09/2012 [EGYPT: criminal salafis: Saudi Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] Islamists seize Tahrir Square to impose Sharia on Egypt Thousands of Muslim Extremists bussed in from around the country came to occupy the place That symbolize the January 2011 pro-democracy demonstrations. Muslim Brotherhood and Salafist al-Nour Party leaders stay away from the rally, but many of Their rank and files are present. Pro-democracy parties and Egypt's Christians are running out of time to stop Egypt from becoming an Islamic republic. Cairo (AsiaNews) - Thousands of Islamists from around Egypt have Gathered in Tahrir Square to demand a constitution based on Sharia. Organised by the Salafi Front, the most extreme wing of the Salafist movement, the demonstration Began today at the end of Friday prayers.
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    13 secondi fa
    [EGYPT: criminal salafis: Saudi from Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] Egypt's main Islamic radical groups, like Al-Jami Including ʿ at al-Islamiyya, Took part in the event. However, the leaders of the al-Nour (Salafist) party and Freedom and Justice (Muslim Brotherhood) party said they would not take part in the event; However, they would allow Their members to do so if they wished. In order to retain popular support, President Morsi and his supporters have not ADOPTED a clear stance on the controversy over Islamic law. According to experts, an explicit reference to Sharia would radically change Egypt's future, limiting women's rights and the right of minorities to exercise freedom of religion, Especially Christians who are about 10 per cent of the population. Currently, the atmosphere in Tahrir Square is quite different from That of January 2011
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    33 secondi fa
    [EGYPT: criminal salafis: Saudi by Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] When Christians and Muslims were united against President Mubarak and in favor of a new state based on democratic and civil rights. In speaking today, Sheikh Mohamed El-Sagheer, a leader in Al-Jami ʿ al-Islamiyya and a member in the dissolved parliament, illustrated how the most radical extremist Islamic groups are taking an ever larger space in the media and public forums. "The Prophet Muhammad," he said before Thousands of people, "fought the infidels, the same who today are Represented by liberal parties." Hence, the religious leader called on his fellow Egyptians to fight for Islamic law, stressing That there is no better law than Allah's law. Speaking to AsiaNews, a source, anonymous for security Reasons, said, "The situation is confusing.
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    57 secondi fa
    [EGYPT: criminal salafis: Saudi of Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] On the one hand you have extremist groups who are pushing hard for a constitution based on Islamic law. On the other, you have democrats and All Those Egyptians who, Although they voted for the Muslim Brotherhood, are against a religious state. "" Unfortunately, Islamists won a Majority in the elections, and have a stranglehold over the constituent assembly, "the source explained. "These well-Organised mass rallies, with people bussed in from around the country, are a show of force to instil fear in Those who do not think like them." "One example is the illegal takeover of land Salafist Belonging to the Diocese of Shubra al-Kheima last Monday to build a mosque and threaten the new Coptic patriarch, Tawadros, for his statement against Islamic law. "
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    1 minuto fa
    [EGYPT: criminal salafis: Saudi Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] "Today, the Procurator General Abdel Meguid Mahmoud confirmed That Belongs To land the Coptic Orthodox Church. A few days ago, members of the Maspero Youth Movement, and leaders from various pro-democratic parties held protest vigils torch against the climate of intolerance and extremism That the Christian population has to face. " According to the source, the political climate in Egypt is going back to before the revolution. "Since Muslim Brotherhood Took power and was Elected President Bites, secular movements, Including pro-democracy parties established businesses after the Jasmine Revolution, have been muzzled." "Two weeks ago, members of the Muslim Brotherhood stopped by force a peaceful protest Organised by pro -democracy parties against the Islamic law.
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    1 minuto fa
    King Saudi Arabia: Who is God? he is full of love! but, what about you, you are full of hate! [EGYPT: criminal salafis: Saudi Al Qaeda, imperialism, for sharia horror] The Islamists Their leaders prevented from making any speech. Such events show That Little or nothing has changed since Mubarak's times. " "Moderate Muslims, Christians and other groups opposed to Islamism are pushing for a new and more representative assembly. However, so far the Supreme Court has not ruled on the matter." "If Islamists can get the constitution through in the next few months, Egypt will become to state based on Islamic law. And this," the source said, "could provoke a fight between Islamic groups and pro-democracy parties." (S.C.)
  • Criss Fawkes
    Criss Fawkes ha pubblicato un commento
    2 minuti fa
    You fucking sellout! You don't even care about the users anymore!
  • Synnek1
    Synnek1 ha pubblicato un commento
    11 minuti fa
    [SHITTING]
  • Synnek1
    Synnek1 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    [SITTING]
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    16 minuti fa
    CIA IMF bionicleking1000 -- you do not think, you should first learn how to exit from kindergarten?
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    20 minuti fa
    ok! if, Rothschild IMF, if he comes to talk to me on this page? and I am satisfied with his reasoning? ok! I'm leaving!
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    23 minuti fa
    why? Rothschild love me!
  • Dementedfreeke
    Dementedfreeke ha pubblicato un commento
    25 minuti fa
    this myjhwh must have nothing else to do except type I cant even read any of that is jiberish
  • bionicleking1000
    bionicleking1000 ha pubblicato un commento
    35 minuti fa
    youtube i have a question and that is what is up with my youtube home-page its really weierd and i dont like ot at all i bet no one cares what one person thinks but come-on?
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    38 minuti fa
    Cher lecteur, chère lectrice, Une fois de plus, l'indépendance de Wikipédia est menacée. Ces jours-ci, le Sénat italien débat d'un projet de loi sur la diffamation (DDL n. 3491). Certains amendements, 3.204, 3.400 et en particulier 3.207, pourraient imposer à Wikipédia la correction ou la suppression de contenus sur simple demande de ceux qui les considèrent comme dommageables à leur image ou à leur vie privée, et prévoir une condamnation pénale et des amendes allant jusqu'à 100 000 euros en cas de défaut de suppression. wikipédia reconnaît le droit à la protection de la réputation de chacun, et les utilisateurs qui y contribuent gratuitement se mobilisent déjà tous les jours pour s'en assurer. L'approbation de cette norme, cependant, obligerait à modifier le contenu indépendamment du respect de la neutralité de point de vue.
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    39 minuti fa
    Une telle prescription dénaturerait les principes fondamentaux de Wikipédia et constituerait une limitation inacceptable de son autonomie et une grave menace pour l'activité de ses 15 millions d'utilisateurs répartis à travers le monde, qui seraient amenés à cesser de traiter certains sujets spécifiques ou certaines personnes, pour « ne pas avoir de problèmes ». Wikipédia est la plus grande œuvre collective dans l'histoire de l'humanité : en 12 ans, elle est devenue partie intégrante des habitudes de millions d'utilisateurs d'Internet à la recherche d'une connaissance neutre, gratuite et surtout libre. L'édition en langue italienne a presque un million d'entrées, qui reçoivent 16 millions de visites chaque jour, mais cette loi peut les faire disparaître à jamais.L'encyclopédie libre est le monument au et du savoir humain. Ne la laissons pas disparaître.
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    41 minuti fa
    Gott liebt alle Menschen und Völker, Er ist unendliche Liebe, mit allen: auch mit Kriminellen: leider! aber ich, ich seine Uhr: unius REI: king universelle, auf der ganzen Welt, König von Israel, und Mahdi, natürlich seinen Liebling in der ganzen Welt, und das ist, weil ich nicht ein Prophet oder ein Mystiker bin, bin ich nur ein Mann: wie alle, nur ein vernünftiger Mensch! God Loves all people and Peoples, He is infinite love, with all: also with criminals: unfortunately! but me, I am HIS: unius REI: king universal, on all the world, King of Israel, and Mahdi, ofcourse his favorite in the whole world, and that's because I'm not a prophet or a mystic, I am only a man: like all, only an rational man!
  • MyJHWH
    MyJHWH ha pubblicato un commento
    42 minuti fa
    Dieu aime tous les hommes et les peuples, il est amour infini, avec tous: aussi avec des criminels: hélas! mais moi, je suis SON: unius REI: roi universel, sur tout le monde, roi d'Israël, et Mahdi, bien sûr son favori dans le monde entier, et c'est parce que je ne suis pas un prophète ou un mystique, je ne suis qu'un l'homme: comme tous, seul un homme rationnel! Dios ama a todas las personas y pueblos, Él es amor infinito, con todo: también con los delincuentes: por desgracia! pero yo, que soy su: unius REI: rey universal, en todo el mundo, el Rey de Israel, y el Mahdi, por supuesto su favorito en todo el mundo, y eso es porque yo no soy un profeta o un místico, no soy más que un hombre, como todos, sólo un hombre racional!



 11/09/2012 [EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror] Islamists seize Tahrir Square to impose Sharia on Egypt Thousands of Muslim extremists bussed in from around the country occupy the place that came to symbolise the January 2011 pro-democracy demonstrations. Muslim Brotherhood and Salafist al-Nour Party leaders stay away from the rally, but many of their rank and files are present. Pro-democracy parties and Egypt's Christians are running out of time to stop Egypt from becoming an Islamic republic. Cairo (AsiaNews) - Thousands of Islamists from around Egypt have gathered in Tahrir Square to demand a constitution based on Sharia. Organised by the Salafi Front, the most extreme wing of the Salafist movement, the demonstration began today at the end of Friday prayers.

[EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror] Egypt's main radical Islamic groups, including like Al-Jamiʿa al-Islamiyya, took part in the event. However, the leaders of the al-Nour (Salafist) party and Freedom and Justice (Muslim Brotherhood) party said they would not take part in the event; however, they would allow their members to do so if they wished. In order to retain popular support, President Morsi and his supporters have not adopted a clear stance on the controversy over Islamic law. According to experts, an explicit reference to Sharia would radically change Egypt's future, limiting women's rights and the right of minorities to exercise freedom of religion, especially Christians who are about 10 per cent of the population. Currently, the atmosphere in Tahrir Square is quite different from that of January 2011

[EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror] when Christians and Muslims were united against President Mubarak and in favour of a new state based on civil and democratic rights. In speaking today, Sheikh Mohamed El-Sagheer, a leader in Al-Jamiʿa al-Islamiyya and a member in the dissolved parliament, illustrated how the most radical extremist Islamic groups are taking an ever larger space in media and public forums.  "The prophet Muhammad," he said before thousands of people, "fought the infidels, the same who today are represented by liberal parties."  Hence, the religious leader called on his fellow Egyptians to fight for Islamic law, stressing that there is no better law than Allah's law. Speaking to AsiaNews, a source, anonymous for security reasons, said, "The situation is confusing.

[EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror] On the one hand you have extremist groups who are pushing hard for a constitution based on Islamic law. On the other, you have democrats and all those Egyptians who, although they voted for Muslim Brotherhood, are against a religious state." "Unfortunately, Islamists won a majority in the elections, and have a stranglehold over the constituent assembly," the source explained.  "These well-organised mass rallies, with people bussed in from around the country, are a show of force to instil fear in those who do not think like them." "One example is the illegal Salafist takeover of land belonging to the Diocese of Shubra al-Kheima last Monday to build a mosque and threaten the new Coptic patriarch, Tawadros, for his statement against Islamic law."

[EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror] "Today, the Procurator General Abdel Meguid Mahmoud confirmed that the land belongs to Coptic Orthodox Church. A few days ago, members of the Maspero Youth Movement, and leaders from various pro-democratic parties held protest torch vigils against the climate of intolerance and extremism that the Christian population has to face."  According to the source, the political climate in Egypt is going back to before the revolution. "Since Muslim Brotherhood took power and President Morsi was elected, secular movements, including pro-democracy parties established after the Jasmine Revolution, have been muzzled.""Two weeks ago, members of the Muslim Brotherhood stopped by force a peaceful protest organised by pro-democracy parties against the Islamic law.

[EGYPT: criminal salafis: SAudi Al Quaeda, imperialism, for sharia horror]The Islamists prevented their leaders from making any speech. Such events show that little or nothing has changed since Mubarak's times."
 "Moderate Muslims, Christians and other groups opposed to Islamism are pushing for a new and more representative assembly. However, so far the Supreme Court has not ruled on the matter."

"If Islamists can get the constitution through in the next few months, Egypt will become a state based on Islamic law. And this," the source said, "could provoke a fight between Islamic groups and pro-democracy parties." (S.C.)



09/11/2012 11:21
SIRIA
Aleppo: il dramma della popolazione, vittima del conflitto fra esercito e ribelli
AsiaNews presenta una testimonianza sulla situazione nella città siriana. I prezzi dei generi alimentari in continuo aumento; alcune merci sono disponibili solo sul mercato nero. Il sistema sanitario rischia la paralisi, cominciano a scarseggiare le medicine. Ferme le scuole, alcuni volontari organizzano lezioni e giochi per bambini. L’appello della Croce rossa internazionale.


Aleppo (AsiaNews) - L'Alto commissario Onu per i diritti umani esprime "preoccupazione" per l'appello lanciato dalla Croce rossa, impossibilitata a consegnare gli aiuti umanitari alla popolazione siriana martoriata dalla guerra fra ribelli e fedeli del regime di Assad. Ieri Peter Maurer, presidente di Croce rossa internazionale (Icrc) ha affermato che la situazione si sta "deteriorando" e l'agenzia "non riesce" a svolgere i propri compiti. Una richiesta rilanciata oggi da Navi Pillay, capo del dipartimento delle Nazioni Unite per i diritti umani (Unhchr), che definisce "significativo" il fatto che non sia più possibile per l'Icrc "svolgere le sue funzioni chiave".
Gli operatori sul campo riferiscono che molte delle scorte e dei beni di prima necessità diretti in Siria, fondamentali per l'approssimarsi dell'inverno, vengono confiscati dal regime di Damasco o rivenduti. L'Alto commissario, in Indonesia per partecipare al Bali Democracy Forum, non risparmia critiche nemmeno al Consiglio di sicurezza Onu, incapace sinora di prendere opportune misure per fermare le violenze.
Ad oggi sarebbero circa 37mila le vittime del conflitto fra esercito e ribelli, divampato nel marzo 2011, secondo quanto riferiscono le fonti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani. Stime delle Nazioni Unite parlano di almeno 1,2 milioni di persone bisognose di assistenza, mentre la situazione umanitaria rischia di precipitare.
Sulla guerra in Siria e il dramma della popolazione, AsiaNews presenta un documento di rara obiettività, redatto da un gruppo di testimoni credibili e di buona volontà, fra  i quali vi sono anche dei religiosi. Esso descrive ciò che sta avvenendo ad Aleppo, nel nord-ovest della Siria, uno dei teatri in cui si consuma la guerra fra milizie ribelli ed esercito governativo fedele al presidente Bashar al-Assad. Il racconto risale a inizio ottobre, ma la realtà - confermano fonti locali - non è cambiata, se non peggiorata in attesa di un inverno che rischia di compromettere ancor più la condizione degli sfollati.
Si tratta di un rapporto di viaggio redatto al seguito di una missione sul terreno, durata sette giorni, nella zona controllata dal regime siriano. I dati inseriti sono stati raccolti alla presenza di molti testimoni - attivisti, religiosi, commercianti, società civile, insegnanti e gli stessi sfollati - oltre che all'osservazione diretta sul campo, in particolare nei centri di accoglienza per sfollati. Ecco, di seguito, la testimonianza:
Scossa dal 20 luglio scorso da combattimenti violenti e intensi fra le forze del regime siriano e le fazioni del Free Syrian Army (Fsa), Aleppo è in una condizione di estrema criticità. Questa guerra ha causato in pochi mesi la morte di molti civili e procurato danni ingenti, minando in modo particolare il notevole patrimonio storico e artistico classificato dall'Unesco.
A oggi la città è divisa in due: da una parte, i quartieri passati sotto il controllo dei ribelli (tra il 55 e il 60% concentrato nelle zone a est, a sud e a nord) e dall'altra, quelli rimasti fedeli al regime di Assad (tra il 45 e il 50%, raggruppati nelle aree a ovest di Aleppo e nel centro). Accedere al cuore della città diventa sempre più difficile: molte strade sono interrotte; i militari siriani e le truppe ribelli hanno creato delle barriere artificiali lungo i percorsi; controlli sempre più serrati regolano il transito, in ingresso e in uscita, fra i due settori "nemici".
L'aeroporto di Aleppo è ancora nelle mani delle forze governative, ma non si può raggiungere la città senza dover fare un lungo giro per evitare le zone teatro di combattimenti. Il rischio è maggiore o minore a seconda che si transiti di giorno o durante la notte, e varia pure in base all'intensità dei combattimenti al momento del passaggio. La zona sotto il controllo dell'Fsa è accessibile attraverso la Turchia e le aree "liberate" nel nord della Siria. Le zone controllate dal regime sono invece accessibili da ovest, attraverso la via di Damasco.
In prima linea, dove infuriano i combattimenti, le condutture idriche e le infrastrutture che forniscono energia elettrica sono andate completamente distrutte. La maggior parte degli edifici è deserta, i danni materiali sembrano assai significativi, anche se non è possibile valutare l'estensione dell'area, essendo ancora molto pericolosa e di conseguenza impraticabile.
Senza riflettere alcuna affiliazione politica pro o contro il regime siriano, la popolazione civile che abitava quelle zone è fuggita spontaneamente nelle zone controllate dall'esercito ribelle o nel settore controllato dai soldati fedeli a Damasco, entrambi considerati "relativamente" più sicuri. Il passaggio da un settore all'altro è molto pericoloso. Qualunque civile cerchi di varcare la linea di confine è subito oggetto di pesanti sospetti: per i ribelli, egli viene considerato subito un funzionario pubblico o un militare in abiti borghesi; dal regime, esso viene bollato come un membro o un sostenitore dell'opposizione.
La situazione militare sul terreno sta precipitando, ma nessuna delle due parti in lotta riesce a prendere il sopravvento. Le linee del fronte non si sono mosse per settimane di un millimetro. Sebbene i ribelli siano soprattutto "maestri" della battaglia via terra, della guerriglia, il rapporto di forza non depone a loro favore. La potente armata del regime controlla i cieli con l'aviazione, usando gli aerei, gli elicotteri e i caccia-bombardieri. Inoltre, i carri armati e i mortai permettono un bombardamento terra-terra incessante ed estremamente efficace. L'inferiorità negli armamenti e del materiale a disposizione dei ribelli, non permette loro di far di meglio che mantenere le zone conquistate all'inizio della battaglia di Aleppo. Inoltre, tutti gli osservatori concordano sul fatto che la durata diventa uno dei fattori di maggiore criticità.
La situazione umanitaria nelle aree controllate dal regime
Aleppo è in una situazione di assedio costante; i suoi abitanti vivono accerchiati, presi tra due fuochi e privati di qualsiasi assistenza umanitaria proveniente dall'esterno. Il prezzo dei generi alimentari è cresciuto del 30% circa e diversi prodotti e beni di prima necessità, come il gas per uso domestico, l'olio combustibile, la benzina e alcuni farmaci si trovano solo al mercato nero. Una situazione che favorisce gli abusi: il prezzo della bombola del gas è aumentato del 500% rispetto al valore reale e, nel frattempo, i picchi nel carburante hanno fatto registrare un più 300% per la benzina. La situazione è ancor più allarmante nella zona controllata dal regime, dove i prodotti alimentari e i generi di prima necessità che viaggiano via terra sono sovente preda dei ribelli del Free Syrian Army.
Aree sotto il controllo dell'esercito
Va sottolineato che a differenza delle aree passate sotto il controllo dei ribelli, le zone in cui comanda il regime siriano non hanno accesso agli aiuti esterni che transitano attraverso la Turchia. La politica di Damasco, in vigore ben prima dell'inizio della guerra, non consente alle organizzazioni non governative straniere di operare in Siria. Malgrado lo spostamento a Damasco o la fuga oltrefrontiera di una porzione non indifferente dei suoi abitanti, la zona annovera ancora una popolazione variabile fra gli 800mila e il milione di abitanti, cui si sommano i circa 300mila che hanno abbandonato le linee del fronte. Questi ultimi hanno trovato riparo in luoghi pubblici, con "mezzi di fortuna" messi a loro disposizione: sono state aperte circa 150 scuole, così come 50 moschee e il grande campus universitario di Aleppo, che da solo accoglie da 30 a 35mila sfollati a seconda delle varie fonti.
Vi è poi il drammatico aumento dei prezzi dei generi alimentari, aggravato a sua volta dalla svalutazione della moneta siriana, mentre sono rimasti invariati gli stipendi del pubblico impiego e un numero consistente di gente assunta nel privato ha perso il proprio lavoro. A questo si aggiungono le difficoltà attraversate dai commercianti, molti dei quali costretti a chiudere i loro negozi. A causa del crollo nel potere di acquisto, molti abitanti di Aleppo si possono permettere solo un pasto al giorno.
Al tempo stesso è diventato sempre più difficile accedere all'assistenza sanitaria. Alcuni centri e ospedali governativi continuano a funzionare, ma con perdite enormi a livello di risorse umane: buona parte del personale medico qualificato è fuggito dalla città e si segnalano importanti disfunzioni nella manutenzione degli apparecchi (non si effettuano più radiografie), senza parlare del ridotto approvvigionamento di medicinali. Difatti, con la distruzione di alcuni importanti centri di produzione di farmaci a causa dei combattimenti che infuriano ad Aleppo e nella periferia di  Damasco,  vari medicinali sono esauriti e altri totalmente scomparsi. Il blocco delle strade non consente il rifornimento costante ed è al contempo difficile importare dall'estero: il trasporto aereo è molto costoso e i farmacisti non godono del diritto di alzare i prezzi imposti dallo Stato.
Di conseguenza, molti prodotti sono ora disponibili solo sul mercato nero. Sottolineiamo qui che per i gruppi di soccorso o di associazioni di cittadini, il contatto con un membro straniero di una associazione umanitaria viola la legge e l'atto può essere punito anche con la reclusione. In un simile contesto, la condizione delle persone più vulnerabili - come portatori di handicap fisici e mentali - desta particolare preoccupazione.
Le necessità più immediate e l'organizzazione degli aiuti
L'assistenza umanitaria fornita oggi a livello locale può essere suddivisa in due categorie. In primis, l'assistenza comunitaria per i residenti permanenti: ad Aleppo, come nel resto del Paese, vi sono reti di solidarietà associativa, a livello comunitario, che esistevano già prima della guerra. Ogni comunità etnica o religiosa ha sviluppato un proprio sistema di sostegno caritativo come - a titolo di esempio - il Jesuit Refugee Service (Jrs), oppure il Da'wat Kheir ente di beneficenza musulmano. Essi hanno lavorato molto e bene all'inizio della crisi, ma ora iniziano a vacillare: i bisogni della popolazione aumentano e le risorse finanziarie e materiali tradizionali diminuiscono di giorno in giorno. Un problema acuito dall'esodo degli aleppini più abbienti e dalle perdite registrate dai principali industriali e commercianti della città.
In secondo luogo, vi è l'assistenza agli sfollati: essa proviene dalle stesse reti interne alla comunità, cui si aggiunge la Mezzaluna rossa siriana e associazioni di cittadini, che agiscono in modo coordinato e complementare. La piattaforma di coordinamento è stata istituita con incontri settimanali per lo scambio di informazioni sugli alloggi disponibili, sulle necessità primarie degli sfollati e talvolta per condividere gli aiuti - alimentari e non - secondo i bisogni di ciascun gruppo. Le loro attività caritative sono "tollerate" dal regime.
Gli sforzi di queste reti di sostegno si sono focalizzate, all'inizio, sullo sviluppo di centri di accoglienza per gli sfollati in spazi pubblici messi a disposizione, oltre che la fornitura di materassi e coperte. L'accesso a cibo  e medicine fa anch'esso parte delle loro priorità operative. Al contempo è stato attivato un comitato di controllo delle condizioni igieniche per valutare i problemi e tentare di fornire delle soluzioni. Visto che quest'anno la maggior parte dei bambini non ha accesso alle scuole, alcuni giovani volontari organizzano delle attività ludiche e di insegnamento che occupano una parte della giornata per sopperire alle necessità.
Sono state identificate circa 200 famiglie che vivono in villaggi isolati vicino ad Aleppo. Fornire loro un piano di assistenza comporta gravi pericoli. La consegna di aiuti è pertanto possibile solo in modo casuale e sporadico, a seconda dell'intensità dei combattimenti. Sfortunatamente gli sforzi di tutte queste persone, coinvolti nell'opera di aiuto ai più poveri, non sono sufficienti per la mancanza di mezzi. Gli sfollati hanno bisogni e necessità che nessun organismo riesce a soddisfare, dato che gli aiuti delle organizzazioni internazionali come Croce rossa internazionale, dipartimenti Onu e enti cattolici sono irregolari e affidati al caso.
Con l'approssimarsi dell'inverno diventa prioritario trovare vestiti caldi, nonché la fornitura di combustibile e gas per il riscaldamento e la preparazione di pasti caldi. Le reti di aiuto stanno tentando di allestire delle scorte per l'inverno. Dalla città arrivano appelli per la mancanza di medicinali, in particolare quelli necessari ai malati cronici tra cui diabetici, persone con malattie renali, epatiche e sclerosi multipla, oltre che vaccini per bambini. Servono anche risorse finanziarie per coprire i costi di ricovero ospedaliero e gli esami nei centri privati, perché quelli pubblici versano in grosse difficoltà. Uno degli obiettivi è anche l'allestimento di una riserva di medicinali per il trattamento di casi acuti, che riflettono l'esigenza di aprire dispensari per dare una struttura minima al comparto sanitario. A tutto questo, si aggiunge infine il fatto che comincia a scarseggiare il latte per i neonati dai banchi delle farmacie e si prevede che esso avrà prezzi proibitivi sul mercato nero.
Se in città l'approvvigionamento di acqua potabile ed elettricità ad oggi sono ancora garantiti - nelle zone esterne teatro di combattimenti le infrastrutture sono andate distrutte - gli abitanti di Aleppo temono un peggioramento della situazione nelle settimane e nei mesi a venire, aggravata anche dal rischio di intensificazione dei combattimenti. La distruzione della rete idrica sarebbe una catastrofe per la popolazione, ma soprattutto per gli sfollati che vivono nelle comunità e che rischiano epidemie di scabbia, colera e altre malattie derivanti da condizioni igieniche precarie.